Votazione cantonale

Il Governo lucernese resta borghese

La candidata dei Verdi Korintha Bärtsch al ballottaggio è stata superata dagli uscenti Paul Winiker (UDC) e Marcel Schwerzmann

Il Governo lucernese resta borghese
Paul Winiker, Reto Wyss, Guido Graf, Fabian Peter e Marcel Schwerzmann. (foto Keystone)

Il Governo lucernese resta borghese

Paul Winiker, Reto Wyss, Guido Graf, Fabian Peter e Marcel Schwerzmann. (foto Keystone)

LUCERNA - Il governo del canton Lucerna rimane interamente borghese e formato da soli uomini. La candidata dei Verdi Korintha Bärtsch non ha confermato il buon risultato del primo turno e al ballottaggio è stata superata dagli uscenti Paul Winiker (UDC) e Marcel Schwerzmann.

In base ai risultati definitivi, l’attuale direttore della sicurezza Paul Winiker (UDC) ottiene 65’887 voti e il direttore uscente delle finanze Marcel Schwerzmann (senza partito, ma su posizioni borghesi) 59’746.

Quest’ultimo, che lo scorso 31 marzo si era piazzato soltanto sesto, in quella che era sembrata una «punizione» per la politica di austerità dell’ultima legislatura, supera ora di oltre 8000 schede la Verde Korintha Bärtsch. L’unica candidata donna in corsa per l’esecutivo - quinta nel primo turno - ottiene nel ballottaggio 51’640 voti.

L’esecutivo lucernese - cantone di 409’000 abitanti - sarà quindi formato nella prossima legislatura da 2 esponenti del PPD, 1 PLR, 1 UDC e un senza partito.

Al primo turno erano già stati riconfermati il direttore della sanità Guido Graf e il responsabile dell’educazione Reto Wyss, entrambi del PPD, mentre il candidato del PLR Fabian Peter, gran consigliere e imprenditore, aveva difeso il seggio liberale-radicale liberatosi con la partenza del responsabile delle costruzioni Robert Küng.

Lo scorso 31 marzo il rinnovo dei 120 seggi nel Gran consiglio lucernese è stato caratterizzato da una chiara ondata ecologista. Verdi e Verdi liberali hanno infatti guadagnato insieme 11 seggi supplementari, con rispettivamente 15 e otto mandati. Il PS ha ottenuto tre mandati supplementari per un totale di 19. In calo invece l’UDC, con 22 seggi (-7), lo stesso numero del PLR (-3), come pure il PPD: il partito di maggioranza relativa è passato da 38 a 34 seggi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1