Iniziative sull'agricoltura, avanti i favorevoli

Stando ad un primo sondaggio Tamedia oltre il 60% dei votanti è per il sì - L'iniziativa per la bici invece non genera per ora abbastanza consensi

Iniziative sull'agricoltura, avanti i favorevoli

Iniziative sull'agricoltura, avanti i favorevoli

Iniziative sull'agricoltura, avanti i favorevoli

Iniziative sull'agricoltura, avanti i favorevoli

Iniziative sull'agricoltura, avanti i favorevoli

Iniziative sull'agricoltura, avanti i favorevoli

Iniziative sull'agricoltura, avanti i favorevoli

Iniziative sull'agricoltura, avanti i favorevoli

Iniziative sull'agricoltura, avanti i favorevoli

Iniziative sull'agricoltura, avanti i favorevoli

BERNA - Oltre il 60% degli aventi diritto di voto vogliono approvare l'iniziativa popolare "Per alimenti equi" e quella "Per la sovranità alimentare", in votazione il 23 settembre. Il controprogetto all'iniziativa per la bici non trova invece ancora una chiara maggioranza.

Entrambi i testi di stampo agrario sono visti di buon occhio in particolare dalle donne, si evince dai risultati del sondaggio online di Tamedia - effettuato fra il 6 e il 7 agosto - pubblicati oggi.

Per l'iniziativa "Per derrate alimentari sane, prodotte nel rispetto dell'ambiente e in modo equo (Iniziativa per alimenti equi)" i favorevoli raggiungono il 64%, mentre i contrari si fermano al 33%. I più entusiasti risultano i simpatizzanti dei Verdi (95% di "sì"), seguiti dai socialisti (81%). Solo la maggioranza della base PLR boccia il testo (53% di contrari).

L'iniziativa è approvata dal 74% delle donne, mentre fra gli uomini conquista solamente il 54% degli aventi diritto. L'obiettivo dell'oggetto in votazione è rafforzare l'offerta di derrate alimentari sicure e di buona qualità. Queste dovrebbero essere prodotte nel rispetto dell'ambiente, delle risorse e degli animali, nonché in condizioni di lavoro adeguate.

Per quel che riguarda l'iniziativa "Per la sovranità alimentare. L'agricoltura riguarda noi tutti", i favorevoli arrivano al 62%, i contrari al 34%. Anche in questo caso le simpatie sono diffuse soprattutto fra i Verdi, mentre sono di nuovo solo i liberarli-radicali ad essere scettici.

Come per l'iniziativa precedente, l'approvazione arriva dal 71% delle donne e solo dal 52% degli uomini. L'oggetto mira a promuovere l'agricoltura dei piccoli contadini, responsabile in primo luogo dell'approvvigionamento locale della popolazione, e di perseguire questo obiettivo con interventi statali di ampia portata. I prodotti importati dovrebbero poi rispettare le norme sociali ed ecologiche della Svizzera.

A differenza degli altri due testi, il controprogetto diretto all'iniziativa popolare "Per la promozione delle vie ciclabili e dei sentieri e percorsi pedonali (Iniziativa per la bici)" non mostra ancora tendenze chiare. Al momento verrebbe approvato dal 48% degli intervistati e respinto dal 44%.

In questo caso la proposta originale voleva "obbligare" la Confederazione a sostenere i Cantoni nella realizzazione e manutenzione di sentieri, percorsi pedonali e piste ciclabili. Il controprogetto riprende la formulazione meno vincolate, secondo la quale Berna "può" sostenere la costruzione di simili reti.

Al sondaggio online hanno partecipato 7635 persone provenienti da tutte le regioni della Svizzera. Il margine di errore si attesta all'1,6%.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
    Consiglio federale

    Difesa e Giustizia alle neo elette

    Sommaruga passerà al Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni mentre Parmelin dirigerà quello dell’Economia

  • 2
    Consiglio federale

    UDC e PLR vogliono i dipartimenti chiave

    La neoeletta Viola Amherd potrebbe essere costretta ad assumere la direzione del tradizionalmente poco ambito Dipartimento della difesa, della protezione della popolazione e dello sport

  • 3
  • 4
    governo

    Cassis: «Vorrei restare al DFAE»

    Il consigliere federale ticinese confida di poter continuare a ricoprire il ruolo di ministro degli esteri - Dopo la fumata nera di venerdì le discussioni proseguiranno la prossima settimana