La Lega si lecca le ferite, Quadri in lacrime

Elezioni federali

Il partito di via Monte Boglia perde pezzi a Berna: Pantani via dal Nazionale, Ghiggia saluta la politica - Il municipale luganese: «L’isterismo climatico porterà più tasse»

La Lega si lecca le ferite, Quadri in lacrime
©Ti-Press

La Lega si lecca le ferite, Quadri in lacrime

©Ti-Press

In pezzi come una costruzione di mattoncini Lego (mattoncini Lega, verrebbe da dire). Il grande sconfitto di giornata in casa Lega dei Ticinesi è Battista Ghiggia che, dopo i risultati, se la prende con Boris Bignasca e alcuni «traditori». Ma i sostenitori del partito di via Monte Boglia sono doppiamente delusi, per la mancata riconferma al Nazionale di Roberta Pantani, che ha dovuto lasciare il posto alla verde Greta Gysin. Roberta Pantani, ovviamente dispiaciuta per la sconfitta, ha ringraziato tutti i ticinesi che hanno creduto in lei salutando quello che ha definito «l’apice della sua carriera».

Dal canto suo, Lorenzo Quadri, seppur confermato alla camera del popolo, ha ammesso la sconfitta, dicendosi dispiaciuto per il fatto che la composizione della deputazione al Nazionale non rispecchia a suo avviso la volontà dei Ticinesi su temi quali i rapporti con l’Ue. Lorenzo Quadri è stato immortalato in lacrime dopo la mancata conferma al Nazionale della collega.

A detta del deputato leghista, l’«isterismo» climatico porterà ai ticinesi più tasse che peseranno sulle famiglie, peggio dei premi di cassa malattia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 1