Novità

La Svizzera non figura nella lista nera del riciclaggio

La Confederazione non è tra i Paesi che secondo l’Ue hanno leggi poco severe anche in materia di finanziamento del terrorismo

 La Svizzera non figura nella lista nera del riciclaggio
La commissaria Ue Vera Jourova (foto Keystone).

La Svizzera non figura nella lista nera del riciclaggio

La commissaria Ue Vera Jourova (foto Keystone).

STRASBURGO - La Svizzera non figura sulla nuova lista dell’Unione europea in cui sono elencati gli Stati terzi che secondo Bruxelles non hanno una legislazione sufficientemente severa in materia di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo. La lista è stata presentata oggi a Strasburgo dalla commissaria europea per la giustizia Vera Jourova.

In essa sono enumerati 23 paesi: Afghanistan, Samoa americane, Bahamas, Botswana, Repubblica democratica popolare di Corea (Corea del Nord), Etiopia, Ghana, Guam, Iran, Iraq, Libia, Nigeria, Pakistan, Panama, Porto Rico, Samoa, Arabia saudita, Sri Lanka, Siria, Trinitad e Tobago, Tunisia, Isole vergini americane e Yemen. «Esorto questi Stati a rimediare al più presto», ha dichiarato la commissaria europea in una conferenza stampa.

Finora l’Ue aveva fatto propria la lista degli Stati ad alto rischio approntata dal Gruppo d’azione finanziaria internazionale contro il riciclaggio di denaro (GAFI), organizzazione interstatale fondata dai membri del G8 e con sede a Parigi presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse). Tuttavia per il parlamento europeo questo elenco non era abbastanza severo, ragione per cui aveva chiesto alla Commissione di Bruxelles di mettere a punto una lista propria.

La Svizzera è criticata da tempo a causa delle sue azioni al portatore, non solo dall’Ue ma anche dal Forum globale sulla trasparenza e sullo scambio di informazioni in questioni fiscali (Global Forum on Transparency and Exchange of Information for Tax Purposes), organismo che verifica il rispetto dello standard in materia di assistenza amministrativa tramite valutazioni tra Paesi.

Per questa ragione non era chiaro se la Svizzera sarebbe o no finita sulla lista dell’Ue. Infatti, mentre con le azioni nominative il detentore è noto, così non è sempre con le azioni al portatore: a certe condizioni gli azionisti possono rimanere anonimi, il che favorisce l’evasione fiscale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1
    Alleanza PLR-PPD

    A Lucerna si pensa alle nozze «bis»

    Un’alleanza fra i due partiti in vista delle elezioni federali è in discussione anche nel cantone germanofono. Per la seconda volta - Il presidente popolare democratico Ineichen: «La storica rivalità è praticamente sparita» - i grandi nemici ora si sostengono in progetti cantonali

  • 2
  • 3
  • 4
    Sordità

    Più valore alla lingua dei segni

    È quanto chiede un postulato presentato a Berna da Marco Romano - Il deputato PPD: «Troppe le differenze tra i Cantoni, inammissibile non ci sia ancora una soluzione a livello federale»

  • 5
    Svizzera

    E se il nido diventasse obbligatorio?

    È un rischio cui rende attenti la consigliera nazionale UDC Verena Herzog a seguito della pressione sociale che c’è oggi sulle famiglie - «Anche la scuola materna all’inizio era solo facoltativa»

  • 1