BERNA

Lavoratori distaccati: migliorare la banca dati per evitare gli abusi

È l’opinione del Consiglio degli Stati che ha accolto tacitamente una mozione del consigliere nazionale Fabio Regazzi (PPD)

Lavoratori distaccati: migliorare la banca dati per evitare gli abusi
(Foto Maffi)

Lavoratori distaccati: migliorare la banca dati per evitare gli abusi

(Foto Maffi)

BERNA - La banca dati SIMIC, alla quale devono annunciarsi le imprese che distaccano lavoratori in Svizzera, va migliorata affinché si evitino abusi. È l’opinione del Consiglio degli Stati che oggi ha accolto tacitamente, dopo il Nazionale, una mozione in tal senso del consigliere nazionale Fabio Regazzi (PPD/TI).

Attualmente, secondo Regazzi, le imprese possono, anche mediante semplici modifiche della grafia, generare iscrizioni multiple senza che il sistema le riconosca come doppioni. Questo offre una scappatoia cui possono ricorrere le imprese sanzionate con un divieto di distaccare lavoratori in Svizzera.

Al momento, poi, i servizi di controllo non possono correggere iscrizioni errate relative al settore (campo d’applicazione del CCL) in cui l’impresa sarà attiva. La stessa azienda potrà dunque indicare ogni volta un settore sbagliato in SIMIC, per cui la notifica e dunque il mandato di controllo saranno inoltrati a un organo di controllo non competente.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1
    Alleanza PLR-PPD

    A Lucerna si pensa alle nozze «bis»

    Un’alleanza fra i due partiti in vista delle elezioni federali è in discussione anche nel cantone germanofono. Per la seconda volta - Il presidente popolare democratico Ineichen: «La storica rivalità è praticamente sparita» - i grandi nemici ora si sostengono in progetti cantonali

  • 2
  • 3
  • 4
    Sordità

    Più valore alla lingua dei segni

    È quanto chiede un postulato presentato a Berna da Marco Romano - Il deputato PPD: «Troppe le differenze tra i Cantoni, inammissibile non ci sia ancora una soluzione a livello federale»

  • 5
    Svizzera

    E se il nido diventasse obbligatorio?

    È un rischio cui rende attenti la consigliera nazionale UDC Verena Herzog a seguito della pressione sociale che c’è oggi sulle famiglie - «Anche la scuola materna all’inizio era solo facoltativa»

  • 1