L'iniziativa sull'autodeterminazione era da annullare

Lo sostiene Helen Keller, giudice svizzera alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo

L'iniziativa sull'autodeterminazione era da annullare

L'iniziativa sull'autodeterminazione era da annullare

ZURIGO - Non si sarebbe nemmeno dovuto votare sull'iniziativa per l'autodeterminazione, perché andava dichiarata nulla in quanto non rispetta il principio di unità di materia: lo sostiene Helen Keller, giudice svizzera alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo.

"Il testo dell'iniziativa comprende cinque articoli che intervengono in punti molto differenti della costituzione", afferma Keller, che è anche professoressa di diritto pubblico e diritto europeo all'Università di Zurigo, in un'intervista pubblicata oggi dal SonntagsBlick. Ma "il cittadino può esprimersi solo sull'intero progetto": non può quindi decidere se accettare o respingere i vari elementi.

"Il parlamento ha chiuso entrambi gli occhi", si lamenta la 54enne. "Le iniziative sono diventate vacche sacre: questo è pericoloso per il diritto di iniziativa".

Secondo Keller la proposta UDC - che stabilisce il principio che la costituzione federale ha rango superiore al diritto internazionale, con l'eccezione di quello cogente come ad esempio il divieto di tortura - comporterebbe la "nuova negoziazione di migliaia di convenzioni internazionali". A suo avviso questo cambierebbe il carattere della costituzione "in modo fondamentale".

In pratica, argomenta Keller, quella in votazione il 25 novembre è una revisione totale della costituzione: concerne fra l'altro i fondamenti dello stato di diritto, le competenze del Tribunale federale (TF) e la gerarchia delle norme. Secondo la giurista l'iniziativa, nonostante il titolo che porta, non è inoltre rivolta contro i giudici stranieri, bensì conto il TF.

Per Keller, che nel 2020 terminerà il suo periodo di nove anni a Strasburgo, un eventuale sì popolare elvetico sarebbe "disastroso", in un'ottica di rispetto dei diritti umani in Europa, per esempio in Turchia o in Russia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
    consiglio nazionale

    «No a ulteriori restrizioni per le stazioni sciistiche»

    È la dichiarazione letta oggi al Nazionale, e adottata dal plenum, dal consigliere nazionale Thomas Matter (UDC/ZH) a nome della maggioranza della Commissione dell’economia e dei tributi della Camera del popolo - Nel frattempo, il PS accusa i partiti borghesi di «comportamento irresponsabile, tanto assurdo quanto ipocrita»

  • 2
    pandemia

    Il Vallese allenta le misure restrittive

    Ristoranti, bar e strutture per il tempo libero potranno riaprire a partire dal prossimo 14 dicembre - Gli assembramenti nello spazio pubblico sono fissati a 15, mentre in ambito privato rimangono limitati a 10, bambini compresi

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1