Nazionale e Stati oggi decidono il destino del lupo

Parlamento

Sul tavolo anche la legge sulle forze idriche e gli assegni famigliari

 Nazionale e Stati oggi decidono il destino del lupo
© Archivio CdT

Nazionale e Stati oggi decidono il destino del lupo

© Archivio CdT

Consiglio nazionale e Stati si esprimono oggi - giovedì - sulle proposte della conferenza di conciliazione in merito alla revisione della legge sulla caccia. Le due camere si oppongono in particolare sulla possibilità di autorizzare l’uccisione dei lupi nelle bandite di caccia.

I due rami del Parlamento hanno invece già raggiunto un accordo su un aspetto centrale della revisione della legge: i Cantoni potranno prevedere la regolamentazione di alcune specie protette previa consultazione dell’Ufficio federale dell’ambiente, purché vengano soddisfatte determinate condizioni.

La Camera del popolo ha anche in agenda una revisione della Legge sulle forze idriche volta facilitare il rinnovo delle concessioni alle centrali idroelettriche per quel che concerne gli studi di impatto ambientale.

Alla Camera dei cantoni si discuterà di assegni famigliari (che saranno estesi anche alle madri sole e disoccupate che beneficiano di un’indennità di maternità) e della riforma dell’Assicurazione invalidità (AI). Quest’ultimo progetto vuole nel suo insieme migliorare gli attuali strumenti destinati a rafforzare l’integrazione nel mondo del lavoro di giovani e malati psichici che rischiano di finire in invalidità.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    Importanti nomine all’Amministrazione federale

    Berna

    Katrin Schneeberger sarà la nuova direttrice dell’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM), mentre Bernard Maissen ricoprirà lo stesso ruolo all’Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) - IL VIDEO DELLA DIRETTA

  • 2

    L’Italia deve attendere

    Confini

    Karin Keller-Sutter sconsiglia di recarsi nel Belpaese dal 3 giugno anche nel caso in cui il Governo Conte dovesse riaprire la frontiera - Il 6 luglio scatta la libertà di viaggiare tra tutti gli Stati Schengen

  • 3
  • 4

    Ecco tutti gli allentamenti dal 6 giugno

    coronavirus

    Terzo passo verso la normalità: manifestazioni fino a 300 persone, assembramenti fino a 30, riapertura delle strutture turistiche - Dal 19 giugno revocata la situazione straordinaria - LA DIRETTA DA BERNA

  • 5
  • 1
  • 1