No Billag bocciata anche in Ticino

Iniziativa chiaramente respinta, nel Paese e nel nostro Cantone (65.5%) - In nessun Comune ticinese ha vinto il Sì - Affluenza alle urne al 64.8%

No Billag bocciata anche in Ticino

No Billag bocciata anche in Ticino

No Billag bocciata anche in Ticino

No Billag bocciata anche in Ticino

No Billag bocciata anche in Ticino

No Billag bocciata anche in Ticino

BERNA/BELLINZONA - Ticino e Grigioni in linea con gli altri cantoni svizzeri contro No Billag: nel nostro Cantone i "No" alla proposta di abolire il canone radiotelevisivo sono stati il 65,5%, mentre nelle valli retiche i contrari hanno raggiunto il 77,2%. Per quanto riguarda l'affluenza al voto, in Ticino sono andate a votare 143 mila persone, pari al 64.8% degli aventi diritto. In valori assoluti, i no sono stati circa 93 mila, i sì circa 48.800.

La diretta di questo pomeriggio

13.23 - A livello cantonale l'iniziativa No Billag è stata respinta con il 65.5% di No. A Lugano l'iniziativa è stata bocciata con il 62.5%, a Bellinzona con il 70.1%

13.14 - No Billag viene bocciata anche nel Canton Grigioni con il 77,17% dei voti e nel canton Sciaffusa con il 62,70%. 

13.12 - Il Canton Zugo ha bocciato l'iniziativa No Billag con il 67.93% delle schede. 

13.09 - L'iniziativa viene nettamente bocciata (78.25% di No) anche nel canton Neuchâtel

13.06 - Il Canton Soletta ha bocciato l'iniziativa con il 69.33% delle schede. 

12.57 - In Ticino mancano solo i risultati di Lugano e Bellinzona: con 113 Comuni scrutinati su 115 l'iniziativa viene bocciata con 65.4% delle schede. 

12.55 - Il Canton Glarona ha bocciato l'iniziativa con il 66.84% dei voti. 

12.54 - Ecco il primo dato cantonale definitivo: il canton Lucerna ha respinto l'iniziativa No Billag con il 71.59% dei voti. 

12.43 - Lo scrutinio in Ticino è quasi terminato: mancano solo 9 Comuni: il no si attesta al 65.6%, il sì al 34.4%.

12.37 - Scrutinati 95 Comuni ticinesi su 115: l'iniziativa viene respinta con il 65.6% dei voti.

12.31 - Sono stati scrutinati 86 Comuni ticinesi su 115: l'iniziativa viene respinta con il 65.9% dei voti. 

12.26 - In Ticino, dopo lo spoglio di 72 Comuni su 115, l'iniziativa viene respinta con il 65.6% dei voti. Nessun Comune, sinora, ha accettato l'iniziativa. 

12.22 - Nessuna chance per l'iniziativa No Billag a Zurigo: stando a una proiezione del cantone la proposta di abolire il canone radiotelevisivo verrà respinta con circa il 70% dei voti. L'iniziativa non è stata accolta in nessuno dei 115 comuni finora scrutinati.

12.11 - L'iniziativa No Billag verrà respinta: è questa la tendenza che emerge dai primi risultati, stando all'istituto demoscopico Gfs.bern, che opera per conto della SSR. Gfs.bern parla di un trend negativo quando la percentuale di no prevista è superiore al 55%.

12.06 - Si sta profilando un chiaro "no" all'iniziativa "No Billag" nel canton Grigioni. Dopo lo scrutinio di 93 dei 108 comuni, la percentuale di contrari si attesta al 77%. In nessun comune è finora emerso un "sì".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
    camere federali

    «Sans-papier e criminali dall’Italia in Svizzera?»

    Il consigliere nazionale dell’UDC Piero Marchesi è preoccupato delle conseguenze della regolarizzazione dei migranti impiegati nell’agricoltura e dalla scarcerazione dei detenuti causa emergenza coronavirus

  • 2
    Berna

    «Lesbiche e gay devono potersi sposare»

    Tutti i gruppi tranne l’UDC si dicono d’accordo con il progetto per consentire il matrimonio alle coppie omosessuali - Gli Stati approvano la creazione delle basi legali per l’app di tracciamento e l’oggetto passa al Nazionale - Ecco i principali temi discussi alle Camere

  • 3
  • 4
    Parlamento

    Imprese responsabili: si va ai supplementari

    Resta tutto aperto: le due Camere non trovano un accordo per il controprogetto all’iniziativa - La partita si gioca anche fuori dall’aula: fra sondaggi e perizie giuridiche - La pandemia potrebbe giocare un ruolo importante

  • 5
    berna

    Rendite ponte, servirà la conciliazione

    Disoccupazione delle persone più anziane, il tetto massimo divide ancora i due rami del Parlamento - Il dossier andrà quindi in conferenza di conciliazione

  • 1