Lavoro

«Non è mai stata preferenza indigena light»

Il primo bilancio della SECO dopo l’introduzione dell’obbligo di segnalazione dei posti vacanti: sestuplicate le offerte segnalate nei settori difficili – I frontalieri registrati agli Uffici di collocamento crescono, ma rappresentano una parte minima

«Non è mai stata preferenza indigena light»
(Foto archivio CdT)

«Non è mai stata preferenza indigena light»

(Foto archivio CdT)

Sta o non sta aiutando a dare la precedenza ai lavoratori indigeni l’obbligo, in vigore dal primo luglio, imposto ai datori di lavoro di segnalare agli uffici regionali di collocamento (URC) i posti di lavoro vacanti per professioni con un tasso di disoccupazione oltre l’8%? Questa la domanda alla quale molti avrebbero voluto avere risposta ieri mattina alla conferenza stampa sui...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1