Online i catasti con restrizione della proprietà

Consiglio federale

Dal 1. gennaio 2020 sarà possibile consultarli sul sito www.cadastre.ch

Online i catasti con restrizione della proprietà
© CdT/Gabriele Putzu

Online i catasti con restrizione della proprietà

© CdT/Gabriele Putzu

A partire dal 2020 ogni proprietario fondiario, persona o ente interessato, potrà conoscere, collegandosi a Internet, quali restrizioni gravano su un determinato terreno (zone di progettazione di strade nazionali, zone di protezione delle acque sotterranee e siti inquinati, per esempio).

Il Consiglio federale ha infatti stabilito l’entrata in vigore il 1. gennaio 2020 di alcune modifiche di ordinanza che dovranno facilitare, semplificandoli, i lavori relativi al Catasto delle restrizioni di diritto pubblico della proprietà (OCRDPP, www.cadastre.ch).

Chi possiede terreni in Svizzera, precisa un nota governativa odierna, non può servirsene a suo piacimento, ma deve rispettare condizioni stabilite dal legislatore o dalla prassi delle autorità competenti. Da qui l’importanza del Catasto delle restrizioni di diritto pubblico della proprietà, i cui dati raccolti dai Cantoni saranno pronti per l’inizio del 2020.

La versione online farà risparmiare tempo e denaro agli interessati: affinché i proprietari di un terreno non debbano procurarsi tali «restrizioni di diritto pubblico della proprietà» di volta in volta separatamente presso ogni singolo organo competente, è stata avviata nel 2012 l’elaborazione di un catasto esteso a tutto il territorio svizzero. Le informazioni rilevanti sui fondi sono riunite e rese facilmente accessibili in Internet, sui portali cantonali dedicati alle restrizioni di diritto pubblico della proprietà.

La revisione parziale dell’ordinanza del 2 settembre 2009 sull’OCRDPP introduce una distinzione più chiara tra la funzione di base del Catasto e le sue funzioni supplementari. L’estratto del Catasto sarà semplificato e non sarà più necessaria un’autenticazione successiva, ciò che farà risparmiare tempo e denaro all’utente. Sarà inoltre creata la base legale per contributi finanziari della Confederazione, nel quadro dell’ulteriore sviluppo del Catasto nei Cantoni.

I lavori per l’istituzione di un Catasto nazionale sono incominciati nel 2012 sotto la supervisione dell’Ufficio federale di topografia (swisstopo). In una prima fase, terminata nel 2014, otto Cantoni hanno avviato un proprio portale sulle restrizioni di diritto pubblico della proprietà. Entro il primo gennaio prossimo tutti i Cantoni disporranno di un simile portale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 1