Svizzera-Usa

Quel coltellino svizzero alla Casa Bianca

Ueli Maurer è il primo presidente della Confederazione a recarsi nello Studio Ovale, ma ci sono dei precedenti per i consiglieri federali - Memorabile il regalo di Kurt Furgler a Ronald Reagan

 Quel coltellino svizzero alla Casa Bianca
(foto Keystone)

Quel coltellino svizzero alla Casa Bianca

(foto Keystone)

BERNA/WASHINGTON - Ueli Maurer è il primo presidente della Confederazione, ma non il primo consigliere federale, a recarsi nello Studio Ovale della Casa Bianca a Washington. L’onore era già toccato nel 1988 e nel 1990 a Jean-Pascal Delamuraz e prima di lui alla «Charming young lady» Elisabeth Kopp e al «Vice President of Switzerland» Kurt Furgler.

Per Kopp, l’invito da parte del presidente statunitense Ronald Reagan nel 1987 era inatteso, proprio come quello a Ueli Maurer quest’anno. L’allora ministra della giustizia si era recata a Washington per assicurarsi che gli Stati Uniti rispettassero la via giudiziaria nel caso in cui era coinvolto l’uomo d’affari Marc Rich.

Tra le autorità elvetiche e il Dipartimento di giustizia statunitense vi erano stati duri negoziati, i quali si erano però conclusi con successo. In seguito, la consigliera federale era stata invitata per un quarto d’ora nello Studio Ovale dal presidente Usa, che solitamente riceve unicamente Capi di Stato.

Per Kopp si è trattato di un momento molto speciale: «Ronald Reagan è stato caloroso e affascinante. E anche molto ben informato», ricorda la prima donna consigliera federale. Nelle sue memorie, l’ex attore descrive Elisabeth Kopp una «Giovane donna affascinante» («Charming young lady»).

Un coltellino svizzero

Tre anni prima, il 3 febbraio 1984, Reagan aveva ricevuto il «Vice President» Kurt Furgler. Il sangallese per omaggiarlo gli ha consegnato un coltellino svizzero. «Contiene quasi tutto, tranne un fornello», aveva scherzato un membro della delegazione del consigliere federale.

Reagan e Furgler avevano poi avuto l’occasione di rivedersi l’anno seguente, quando il presidente statunitense si trovava a Ginevra per uno storico incontro - il 19 e 20 novembre 1985 - con lo statista sovietico Michail Gorbaciov.

Diventato presidente della Confederazione, Furgler ha accolto Reagan all’aeroporto di Ginevra, prima di un incontro bilaterale. Per il presidente statunitense si è trattata dell’unica visita nella Confederazione nel corso dei suoi due mandati.

L’ultimo consigliere federale accolto nello Studio Ovale di Washington è stato il ministro degli affari esteri René Felber. In quell’occasione, tuttavia, il socialista neocastellano si era recato nelle vesti di presidente del Consiglio d’Europa e non in qualità di presidente della Confederazione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1