Schneider-Ammann: ripensamento su esportazioni armi

BERNA - Johann Schneider-Ammann ci ripensa: il ministro dell'economia proporrà al Consiglio federale di "aspettare prima di agire" nella prospettata liberalizzazione dell'ordinanza sul materiale bellico. "La pressione esterna ha giocato un ruolo", ha detto a due giornali romandi.

"È effettivamente necessario studiare le attuali condizioni di mercato e analizzare i vantaggi e le conseguenze di un simile allentamento" dei criteri di esportazione, spiega il consigliere federale dimissionario su "24 Heures" e "La Tribune de Genève".

"Abbiamo discusso e soppesato molto i pro e i contro e siamo giunti alla conclusione che non è molto realistico né molto intelligente continuare il processo di liberalizzazione in un tale momento", aggiunge Schneider-Ammann. "L'Arabia Saudita riceverà al massimo ciò che è stato negoziato e firmato per pezzi di ricambio e munizioni", aggiunge il consigliere federale bernese.

Il 15 giugno il Consiglio federale, sollecitato dall'industria elvetica dell'armamento, aveva annunciato di essere disposto ad autorizzare le esportazioni di armi verso paesi in cui è in atto una guerra civile se non vi è motivo di credere che le armi saranno utilizzate nel conflitto. Questa decisione ha suscitato aspre critiche provenienti da tutti i partiti, salvo il PLR e l'UDC.

Una alleanza contro le esportazioni di armi nei paesi in guerra civile - formata da esponenti di PS, Verdi, Verdi liberali, Borghesi democratici, Evangelici, ambienti ecclesiastici e organizzazioni umanitarie - ha annunciato il mese scorso una "iniziativa di correzione" ("Korrektur-Initiative") se il Parlamento non avesse fatto tornare sui suoi passi il Consiglio federale. E nel giro di due giorni ha trovato 25'000 persone che si sono dichiarate disposte a raccogliere ciascuna quattro firme, per raggiungere le necessarie 100'000 sottoscrizioni.

L'alleanza - sostenuta anche da Amnesty International - vuole tornare alla situazione precedente il 2014, prima di un primo allentamento che ha permesso di esportare verso paesi che sistematicamente violano i diritti fondamentali.

In risposta, il 26 settembre, il Consiglio nazionale ha adottato con 97 voti a 82 (e 11 significative astensioni specie tra i PLR) una mozione del Partito borghese democratico (PBD) nella quale si chiede che sia il Parlamento a fissare le regole. Se anche il Consiglio degli Stati si mostrerà d'accordo, non sarà più il Consiglio federale a decidere.

Fatto più unico che raro, anche il presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR), l'ex segretario di Stato Peter Maurer, ha stigmatizzato pubblicamente la decisione del governo. Lo stesso consigliere federale Johann Schneider-Ammann ha dovuto ammettere nell'aula del Consiglio nazionale di aver ricevuto molte lettere di protesta da parte di persone allarmate dalle intenzioni dell'esecutivo.

Oltre alle pressioni in Svizzera, la situazione internazionale è cambiata, soprattutto dopo la morte atroce a Istanbul del giornalista saudita Jamal Khashoggi, ucciso da agenti di Riad.

Nel maggio 2015 la Svizzera ha interrotto le consegne di armi all'Arabia Saudita. Tuttavia, nell'aprile 2016, il Consiglio federale ha comunque autorizzato alcune vendite a paesi coinvolti nella guerra yemenita, ma solo di materiale che non lasciasse presupporre un eventuale impiego nel conflitto.

Le domande accettate riguardavano sistemi per la difesa antiaerea e finalizzati alla legittima autodifesa o alla protezione di infrastrutture civili, come ad esempio gli impianti di approvvigionamento idrico. Il Consiglio federale ha invece respinto tutte le richieste per beni che erano idonei a essere trasportati in un altro luogo o ad alto rischio di utilizzo nel conflitto in Yemen, come armi leggere, munizioni, granate a mano nonché accessori e pezzi di ricambio. Il tutto per un valore totale di circa 3 milioni di franchi.

L'ordinanza sul materiale bellico vieta attualmente l'esportazione se il paese di destinazione è coinvolto in un conflitto armato interno o internazionale. Il governo vuole consentire la concessione di un permesso di esportazione se non vi è motivo di credere che il materiale bellico sarà utilizzato in un conflitto armato interno. Tuttavia, secondo il Consiglio federale, la deroga prevista non si applicherebbe ai paesi devastati dalla guerra civile, come lo Yemen o la Siria.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1