Consiglio degli Stati

Sì alla riforma per rendere meno attrattivo il servizio civile

Con 26 voti contro 11 e 2 astenuti ha sostenuto oggi il progetto governativo, con il quale si intende ridurre drasticamente il numero di ammissioni

 Sì alla riforma per rendere meno attrattivo il servizio civile
Foto Archivio CdT

Sì alla riforma per rendere meno attrattivo il servizio civile

Foto Archivio CdT

Sì alla riforma per rendere meno attrattivo il servizio civile. Con 26 voti contro 11 e 2 astenuti, il Consiglio degli Stati ha sostenuto oggi il progetto governativo, con il quale si intende ridurre drasticamente il numero di ammissioni. Sulla revisione della legge, sulla quale il Nazionale deve ancora esprimersi, pende però un forte rischio di referendum.

Stando al Governo, negli ultimi anni il numero di «civilisti» è aumentato a dismisura a scapito dell’esercito. Oltre a tale evoluzione giudicata «preoccupante», il Consiglio federale non vede di buon occhio il fatto che dopo aver effettuato la scuola reclute molti soldati lascino l’esercito per passare al servizio civile. Preoccupano inoltre le partenze di quadri e specialisti, ha spiegato Josef Dittli (PLR/UR) a nome della commissione.

Le ammissioni al servizio civile sono passate da 4670 nel 2011 a 6785 nel 2017. Nel 2018 sono però scese dell’8,5% a 6205. Per il Consiglio federale, tale numero è ancora troppo elevato, anche perché di questi 6’205 «civilisti», 2’463 avevano terminato la scuola reclute e 428 erano quadri e specialisti, ha spiegato il consigliere federale Guy Parmelin.

Il ministro dell’economia ha sottolineato come queste partenze abbiano un costo: le risorse e le spese legate all’istruzione delle persone interessate sono andate perse. Inoltre, l’effettivo regolamentare dell’esercito (100’000 effettivi) risulta minacciato.

Sinistra contraria

La sinistra ha tentato invano di convincere il plenum a non entrare in materia su questa revisione. «Poiché l’esercito non è più attrattivo, si vuole rendere meno attrattivo il servizio civile», ha rilevato Géraldine Savary (PS/VD). Il progetto ha un carattere punitivo e contempla misure sproporzionate.

Anche il loro effetto sugli effettivi dell’esercito è tutto da provare. Queste diatribe amministrative potrebbero in particolare provocare un aumento delle partenze per motivi di salute, ha aggiunto la socialista vodese.

Ma la maggioranza borghese non l’ha seguita e, dopo aver votato l’entrata nel merito, ha adottato sette delle otto misure preconizzate dal Consiglio federale. Una sola proposta è stata bocciata: la Camera dei cantoni non ha voluto abolire la possibilità concessa ai «civilisti» di essere impiegati all’estero, come auspicava invece il Consiglio federale.

Attesa di dodici mesi

Con la riforma, l’esecutivo propone di aumentare a 150 il numero minimo di giorni di servizio. Anche i militari che passano al servizio civile a partire dal primo corso di ripetizione dovranno effettuare più giorni.

Inoltre, ai soldati che dopo la scuola reclute chiedono di passare al servizio civile (40% delle ammissioni) verrà imposto un periodo di attesa di dodici mesi. Questa misura è una pastoia burocratica, ha deplorato invano Danile Jositsch (PS/ZH). A suo avviso, non vi è motivo di bloccare l’ammissione durante un anno. Ma la maggioranza, seppur di stretta misura (con 20 voti a 18 e 1 astensione), ha approvato anche tale proposta.

Una volta e mezzo

Con la regolamentazione attuale i «civilisti» fanno una volta e mezzo il numero di giorni di servizio militare. Il progetto governativo prevede che tale regola si applichi in futuro anche a sottufficiali e gli ufficiali, per i quali al momento si attua un fattore di 1,1.

Stando alla riforma, i futuri medici, veterinari e dentisti non potrebbero più svolgere il servizio civile in postazioni mediche. «Nel 2017 mancavano 270 dottori nell’esercito», ha giustificato il consigliere federale, che è stato seguito con 23 voti a 15 e 1 astenuto.

Termini raccorciati e ritmi più intensi

Inoltre, le ammissioni non sarebbero di principio più possibili per i militari che hanno effettuato tutti i loro giorni di servizio. «Si tratta di mantenere una certa equità», ha spiegato Guy Parmelin

I termini per effettuare il servizio civile sarebbero infine raccorciati e il ritmo dei periodi di servizio intensificati. I «civilisti» dovrebbero compiere un periodo di servizio ogni anno che segue la loro ammissione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1