Sri Lanka, il DFAE esorta al rispetto della democrazia

BERNA - Lo scioglimento del Parlamento nello Sri Lanka mette a repentaglio la stabilità del Paese, come anche la sua prosperità e la democrazia. È l'opinione espressa oggi in una nota dal Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), preoccupato per la crisi che sta attraversando il Paese asiatico.

Secondo la Svizzera, l'attuale situazione potrebbe inoltre annullare gli sforzi intrapresi da Berna per la riappacificazione del Paese, per decenni alle prese con una guerra civile. Per questo, la Confederazione si appella a tutte le parti affinché vengano rispettate le procedure democratiche e lo stato di diritto.

Il DFAE esorta quindi nel comunicato il presidente dello Sri Lanka Maithriapala Sirisena a risolvere la crisi in tempi brevi nel rispetto delle istituzioni e dei processi democratici.

Sirisena ha indetto nuove elezioni per il 5 gennaio prossimo dopo aver sciolto il Parlamento. Un passo che il Partito di opposizione Unp ha denunciato come "illegale e anti costituzionale".

Il mese scorso Sirisena aveva licenziato il premier Ranil Wichrmesinghe (dell'Unp), che tuttavia rifiuta di lasciare l'incarico, e al suo posto aveva nominato come facente funzione l'ex presidente Mahinda Rajapaksa.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 2
    Elezioni federali

    Donne, l’assalto agli Stati non sarà per niente facile

    Tutti i partiti hanno puntato su figure femminili per il rinnovo delle Camere - La co-presidente di Alliance F Kathrin Bertschy mira alla conquista di 11 seggi al «Senato», dove nella legislatura appena terminata le rappresentanti erano soltanto sei (su 46)

  • 3
    l’incontro

    Keller-Sutter a Roma per parlare di migrazione

    La consigliera federale, in Vaticano per la canonizzazione di Marguerite Bays, ha assicurato alla ministra dell’Interno Lamorgese che la Svizzera continuerà ad impegnarsi per alleviare la pressione sugli Stati che si trovano alle frontiere esterne di Schengen

  • 4
  • 5
    ELEZIONI

    Agli Stati un terzo dei pretendenti è donna

    La quota di candidate (34,4%) registrata quest’anno è molto più alta rispetto a quella del 2015, quando non si superò il 20%, ma resta inferiore al 40,3% del Consiglio nazionale

  • 1