Terapia innovativa rimborsata da subito

Cure contro i tumori

È quella con cui si modificano geneticamente i globuli bianchi dei pazienti in modo che attacchino le cellule cancerose

Terapia innovativa rimborsata da subito
© CdT/Archivio

Terapia innovativa rimborsata da subito

© CdT/Archivio

Da subito le casse malattia rimborseranno le terapie cellulari CAR-T autologhe che consistono nel modificare geneticamente i globuli bianchi dei pazienti in modo che attacchino le cellule cancerose. Tale cura è utilizzata soprattutto contro la leucemia e i linfomi.

È quanto prevede una convenzione tariffale, valida per tutto il 2020, tra ospedali e talune assicurazioni approvata oggi dal Consiglio federale. I pazienti potranno accedere immediatamente a simili cure, precisa una nota odierna del Consiglio federale.

Si tratta di una nuova terapia sviluppata da Novartis e autorizzata dal 2018. I costi dovrebbero ammontare a diverse centinaia di migliaia di franchi. Già oggi i costi di tale terapia erano assunti dalle casse malattia in caso di fallimento di tutte le altre cure tradizionali.

La convenzione approvata oggi regola il rimborso in maniera generale. Mistero su quali casse malattia siano coinvolte: l’Ufficio federale della sanità pubblica, raggiunto da Keystone-ATS, mantiene il riserbo poiché il contratto negoziato è confidenziale.

Sempre oggi, il governo ha approvato la convenzione tariffale SwissDRG, che disciplina la rimunerazione delle prestazioni delle cure somatiche acute erogate negli ospedali e nelle case per partorienti. tale convenzione è valida dal primo di gennaio del 2020.

Il Consiglio federale ha anche adottato modifiche alle regole di fatturazione correlate alla versione 2.0 della TARPSY, che rimane in vigore. Questa struttura tariffale permette di rimunerare i trattamenti psichiatrici stazionari mediante importi forfettari giornalieri legati alla prestazione, assunti dall’assicurazione obbligatoria.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 1