trasporti

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi

La ministra dei trasporti Simonetta Sommaruga ha annunciato ulteriori provvedimenti per incrementare il trasferimento del traffico merci dalla strada alla ferrovia

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi
(KEYSTONE/Urs Flueeler)

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi

(KEYSTONE/Urs Flueeler)

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi
(KEYSTONE/Urs Flueeler)

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi

(KEYSTONE/Urs Flueeler)

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi
(KEYSTONE/Urs Flueeler)

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi

(KEYSTONE/Urs Flueeler)

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi
(KEYSTONE/Urs Flueeler)

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi

(KEYSTONE/Urs Flueeler)

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi
(KEYSTONE/Urs Flueeler)

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi

(KEYSTONE/Urs Flueeler)

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi
(KEYSTONE/Urs Flueeler)

Un nuovo pacchetto di misure per i 30 anni dell’iniziativa delle Alpi

(KEYSTONE/Urs Flueeler)

GOLDAU (SZ) - La ministra dei trasporti Simonetta Sommaruga ha annunciato oggi a Goldau (SZ), in occasione dei festeggiamenti per il 30esimo anniversario dell’Iniziativa delle Alpi, un nuovo pacchetto di misure per incrementare il trasferimento del traffico merci dalla strada alla ferrovia.

Circa 270 persone hanno partecipato alla celebrazione, ha comunicato l’associazione. La fondazione dell’Iniziativa delle Alpi risale al 1989. Quest’anno ricorre anche il 25esimo della votazione popolare - era il 20 febbraio 1994 - con cui gli svizzeri sancirono la protezione della regione alpina dal traffico di transito.

Sommaruga, titolare del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC), ha reso omaggio a questo impegno. L’Iniziativa delle Alpi ha posto le basi per la nuova politica elvetica nel settore dei trasporti, ha detto la consigliera federale.

Tra i provvedimenti anticipati per rafforzare il trasferimento delle merci su rotaia vi sono costi inferiori per i treni a lunga percorrenza. La Confederazione prende inoltre in considerazione la possibilità di estendere le sovvenzioni per il traffico combinato e di aumentare la tassa per i camion più vecchi.

Jon Pult, presidente dell’associazione, ha domandato che venga ampliata la missione dell’Iniziativa. Ora per esempio bisogna lottare affinché le emissioni di CO2 calino drasticamente il più rapidamente possibile.

I rappresentanti dell’Iniziativa stanno inoltre discutendo un divieto di circolazione tramite i passi alpini per i camion a motore diesel a partire dal 2035. Da ricordare che l’obiettivo, previsto dalla legge, di massimo 650’000 mezzi pesanti all’anno non è ancora stato raggiunto. L’associazione intende inoltre utilizzare questo 2019 segnato da importanti ricorrenze per discutere la necessità di una nuova iniziativa.

L’Associazione svizzera dei trasportatori stradali (ASTAG), in un comunicato, ha da parte sua denunciato l’»attivismo oneroso e inefficace da parte dell’Iniziativa delle Alpi». Le misure proposte sono, a suo dire, «inappropriate» e occorrerebbe prima di tutto «realizzare infine le linee di accesso NTFA in Italia e in Germania. I protettori delle Alpi farebbero bene a far valere le loro richieste a Berlino», aggiunge l’ASTAG.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1