Camere

Una «e-identità» privatizzata

Il Nazionale dice sì all’introduzione di un lasciapassare digitale riconosciuto dallo Stato - A fornirlo saranno aziende non pubbliche - Preoccupata la sinistra

<b>Una «e-identità» privatizzata</b>
(Foto Shutterstock)

Una «e-identità» privatizzata

(Foto Shutterstock)

BERNA - La fornitura delle identità elettroniche (eID) riconosciute dallo Stato non deve essere puramente affare della Confederazione. È quanto pensa il Nazionale. Lo scopo di queste «e-identità», che Berna vuole creare è (solo ed esclusivamente) la dichiarazione dell’identità del suo proprietario in Internet. In altre parole: l’eID serve a dimostrare in Rete di essere davvero la...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1