Vita più difficile per i contrabbandieri

Sarà istituita una Divisione antifrode doganale che riunirà quelle dei singoli circondari

Vita più difficile per i contrabbandieri
Una bara utilizzata per contrabbandare merce che è esposta al Museo delle dogane a Gandria.

Vita più difficile per i contrabbandieri

Una bara utilizzata per contrabbandare merce che è esposta al Museo delle dogane a Gandria.

BERNA - La Svizzera vuole rendere la vita più difficile ai contrabbandieri. Per questo motivo verrà istituita da gennaio la Divisione antifrode doganale che riunirà le sezioni antifrode dei singoli circondari (Basilea, Zurigo, Losanna e Lugano che verranno però mantenute), nonché l'Ufficio centrale antifrode doganale e la divisione Cause penali e ricorsi. È quanto prevedono diverse modifiche di ordinanze approvate oggi dal Consiglio federale.

Affinché la lotta al contrabbando e alla frode finanziaria diventi più efficace, è necessario riorganizzare l'attuale struttura decentralizzata.A dirigere la divisione principale Antifrode doganale sarà Urs Bartenschlager, già capo della polizia giudiziaria del Cantone di Soletta. Bartenschlager guida il progetto di riorganizzazione dallo scorso mese di luglio. Oltre all'Antifrode doganale, anche gli altri uffici di servizio dell'Amministrazione federale delle dogane potranno svolgere procedure penali abbreviate nel caso di multe fino a 2'000 franchi, purché la persona interessata dia il suo consenso.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 2
    Elezioni federali

    Donne, l’assalto agli Stati non sarà per niente facile

    Tutti i partiti hanno puntato su figure femminili per il rinnovo delle Camere - La co-presidente di Alliance F Kathrin Bertschy mira alla conquista di 11 seggi al «Senato», dove nella legislatura appena terminata le rappresentanti erano soltanto sei (su 46)

  • 3
    l’incontro

    Keller-Sutter a Roma per parlare di migrazione

    La consigliera federale, in Vaticano per la canonizzazione di Marguerite Bays, ha assicurato alla ministra dell’Interno Lamorgese che la Svizzera continuerà ad impegnarsi per alleviare la pressione sugli Stati che si trovano alle frontiere esterne di Schengen

  • 4
  • 5
    ELEZIONI

    Agli Stati un terzo dei pretendenti è donna

    La quota di candidate (34,4%) registrata quest’anno è molto più alta rispetto a quella del 2015, quando non si superò il 20%, ma resta inferiore al 40,3% del Consiglio nazionale

  • 1