EXTRA MUROS

Zurigo accoglie il Consiglio federale

I sette saggi si sono riuniti al Museo nazionale e hanno incontrato la popolazione

Zurigo accoglie il Consiglio federale
(Foto Keystone)

Zurigo accoglie il Consiglio federale

(Foto Keystone)

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

Zurigo accoglie il Consiglio federale

ZURIGO - Seduta «extra muros» del Consiglio federale oggi al Museo nazionale di Zurigo: verso mezzogiorno si è tenuto un incontro con la popolazione. «Incontriamo i nostri capi», ha dichiarato il presidente della Confederazione Ueli Maurer.

Circa 150 zurighesi hanno preso parte all’aperitivo organizzato nella corte interna del museo. «Un freddo cane (Huere chalt), si direbbe da noi nell’Oberland zurighese», ha affermato Maurer.

È stato il consigliere federale UDC a scegliere la destinazione della quattordicesima seduta «extra muros» del governo. «Non ho organizzato nessuna festa in qualità di presidente della Confederazione. Questa è una piccola compensazione», ha dichiarato.

L’incontro con la popolazione è per Maurer come un incontro con i superiori. «Sono loro i nostri capi. E sono loro che ci pagano un buon salario. Vediamo se sono contenti», ha detto il presidente della Confederazione. In simili occasioni, i consiglieri federali non devono quasi mai temere nulla di negativo. «Riceviamo soprattutto complimenti», ha aggiunto Maurer.

«Riflesso anti-zurighese»

«Siamo coscienti di causare a molti svizzeri un riflesso anti-zurighese», ha dichiarato da parte sua la presidente del consiglio di Stato del canton Zurigo Carmen Walker Späh (PLR). Zurigo ha tuttavia molto da offrire, non solo come contribuente nella perequazione finanziaria.

Späh ha regalato a Mauer una borsa «Freitag» blu e bianca riempita di specialità regionali. Per ricaricarsi d’energia, il presidente della Confederazione ha ricevuto anche un «Tirggel» gigante, un tradizionale biscotto non lievitato al miele che di solito si trova nei sacchetti di San Nicolao.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1