Politici svizzeri minacciati: aperti cinque procedimenti

Coronavirus

La Procura federale e l’Ufficio federale di polizia stanno monitorando i casi di minacce e diffamazione nei riguardi di membri delle autorità politiche nell’ambito dei provvedimenti introdotti per contrastare la pandemia

 Politici svizzeri minacciati: aperti cinque procedimenti
©KEYSTONE/Alessandro della Valle

Politici svizzeri minacciati: aperti cinque procedimenti

©KEYSTONE/Alessandro della Valle

La Procura federale ha aperto cinque procedimenti in relazione a minacce via Internet giunte alle autorità e legate alle misure anti-coronavirus. Le intimidazioni sono sovente rivolte nei confronti del ministro della sanità Alain Berset.

Lo ha dichiarato oggi, sollecitato dall’agenzia Keystone-ATS, lo stesso Ministero pubblico della Confederazione (MPC). La procura ha così confermato quanto pubblicato dal domenicale «SonntagsZeitung».

Insieme all’Ufficio federale di polizia (fedpol) stanno venendo continuamente monitorati i casi di minacce e diffamazione nei riguardi di membri delle autorità federali nell’ambito dei provvedimenti introdotti per contrastare la pandemia, ha fatto sapere l’MPC. In alcune situazioni, fedpol può sporgere denuncia penale contro i responsabili.

In casi particolarmente gravi di minacce, come ad esempio quelle di morte, contro consiglieri federali o parlamentari sono di competenza dell’MPC. «Attualmente», riferisce quest’ultimo, «cinque procedimenti del genere sono stati avviati». Nessun decreto d’accusa è per ora stato emesso.

Le intimidazioni e gli insulti online non hanno risparmiato nemmeno esponenti dei governi di vari Cantoni. In queste situazioni l’intero incarto viene trasmesso alle autorità cantonali competenti.

Dallo scoppio della crisi del coronavirus, fedpol si è attivata in decine di casi riguardanti minacce a politici, ha indicato a Keystone-ATS l’ufficio federale. Talvolta, quello che viene fatto è prendere contatto con la persona potenzialmente pericolosa, informandola che rischia conseguenze penali. Le indagini di polizia hanno poi luogo solo se la persona oggetto delle minacce presenta denuncia.

Fedpol sottolinea inoltre la collaborazione che regolarmente avviene con i gestori dei social media. L’ufficio federale può in questo senso richiedere la cancellazione di un determinato post ostile, ma spetta ai responsabili delle piattaforme attuarla.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 ats
  • 2 Coronavirus
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1