Pressing per i test a tappeto

La pandemia

Mentre il consigliere federale Alain Berset spinge per potenziare i tamponi di massa gratuiti, la discussione approda in Consiglio di Stato - Stefano Modenini: «Abbiamo chiesto un’entrata in materia sul tema» - Intanto il PLR prende posizione: «Servono scelte rapide per ripartire»

 Pressing per i test a tappeto
Dobbiamo attenderci a una nuova strategia sui test di massa? © keystone/jean christophe bott

Pressing per i test a tappeto

Dobbiamo attenderci a una nuova strategia sui test di massa? © keystone/jean christophe bott

La strada indicata ieri dal ministro della sanità Alain Berset è chiara: per combattere la diffusione del coronavirus occorre potenziare l’utilizzo dei test di massa, allentando ulteriormente i criteri per effettuare queste verifiche sanitarie. Una dichiarazione - rilasciata a margine di una visita all’aeroporto di Zurigo - che rappresenta (se non una svolta) sicuramente un passo avanti verso il potenziamento di una strategia che a lungo tempo ha diviso gli esperti. «Vogliamo che siano svolti più test», ha dichiarato Berset dallo scalo di Kloten. Il Consigliere federale - affiancato dalla presidente del governo zurighese Silvia Steiner e dalla responsabile della sanità cantonale Natalie Rickli - ha poi manifestato la speranza che i test fai da te siano presto autorizzati, pur ricordando che...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1