Preventivo 2021, via libera a ulteriori 411 milioni di franchi

svizzera

233,1 milioni serviranno per l’infrastruttura ferroviaria e 164 milioni per finanziare provvedimenti legati alla pandemia

Preventivo 2021, via libera a ulteriori 411 milioni di franchi
© archivio cdt

Preventivo 2021, via libera a ulteriori 411 milioni di franchi

© archivio cdt

Dopo il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale ha approvato oggi la seconda aggiunta del preventivo 2021 della Confederazione. Si tratta di nove crediti per uscite complessive pari a 411,3 milioni di franchi, di cui 233,1 milioni per l’infrastruttura ferroviaria e 164 milioni per finanziare provvedimenti legati alla pandemia.

I 411 milioni supplementari non influenzeranno in maniera sensibile il bilancio finanziario globale. Si tratta di crediti modesti per garantire il funzionamento dello Stato, ha precisato in aula il ministro delle finanze Ueli Maurer.

Circa le ferrovie, tale somma servirà per compensare le perdite d’esercizio (102 milioni) legate alla pandemia e a finanziare diversi progetti di ampliamento realizzati prima del previsto (125 milioni), ha precisato Maurer.

In questa seconda aggiunta al preventivo, 164 milioni sono - come detto - destinati a far fronte alla pandemia e comprendono anche le maggiori uscite per l’Ufficio federale della sanità pubblica.

Una minoranza, difesa da Lars Guggisberg (UDC/BE), ha tentato invano di convincere il plenum di compensare in seno al Dipartimento federale dell’interno (DFI) i crediti a preventivo supplementari da esso richiesti.

«La Confederazione ha finora sbloccato una somma astronomica nel quadro della pandemia, oltre 24 miliardi di franchi», ha rilevato Guggisberg. È quindi giustificato chiedere che taluni crediti siano compensati. Ma la sua proposta non ha fatto breccia al di là del gruppo parlamentare democentrista.

Finora le uscite legate all’epidemia di COVID-19 ammontano a 24,5 miliardi, compresi i crediti aggiuntivi. In alcuni settori però non verranno verosimilmente impiegate tutte le risorse stanziate e quindi, a fine anno, le uscite effettive dovrebbero aggirarsi sui 18,7 miliardi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    CCL Shop, pressing a Berna

    politica

    Per il Parlamento, il Consiglio di Stato deve far pressioni affinché Berna revochi la decisione di escludere il Ticino dall’obbligatorietà generale del salario minimo previsto dal contratto collettivo di lavoro nazionale

  • 2
  • 3

    San Gallo, attacco hacker a città e cantone

    Pirateria informatica

    Gli esperti della società di hosting sono riusciti a intervenire e a mettere a punto un sistema per riconoscere allo stadio precoce qualsiasi nuovo tentativo di intrusione

  • 4

    Agenti ticinesi al WEF, non si cambia

    politica

    Il Gran Consiglio ha respinto una mozione dell’MPS che chiedeva di non inviare più le forze dell’ordine al Forum economico e ad altri eventi simili

  • 5
  • 1
  • 1