Quando Swissair rimase a terra

La storia

Simbolo dell’aviazione e del nostro Paese, il 2 ottobre del 2001 il vettore fu costretto ad annunciare il «grounding» e a non volare – Mario Corti, allora amministratore delegato della compagnia, oggi ha fatto pace con quei giorni concitati: «Ma non ho più tanta voglia di parlarne»

Quando Swissair rimase a terra
I velivoli di Swissair costretti a terra: è il 2 ottobre 2001. © KEYSTONE/Steffen Schmidt

Quando Swissair rimase a terra

I velivoli di Swissair costretti a terra: è il 2 ottobre 2001. © KEYSTONE/Steffen Schmidt

Mario Corti aveva lottato. Contro il tempo. Contro i capricci delle banche e i tentennamenti del Consiglio federale. L’amministratore delegato aveva lottato, sì. Con tutte le sue forze. Come un leone ferito. Attorno a lui, però, si era scatenato il caos. Equipaggi e voli bloccati; passeggeri in rivolta a Kloten; creditori sul piede di guerra. I soldi per tenere in vita Swissair, semplicemente, erano finiti. Ne servivano, all’istante, una vagonata. Nessuno sembrava disposto a concederli. Chiamato al capezzale della compagnia solo pochi mesi prima, Corti visse quel 2 ottobre 2001 attaccato al telefono. Aggrappato a promesse e accordi. Alla speranza di salvare capra e cavoli dopo anni di decisioni e strategie scellerate. Di riuscirci nonostante un debito massiccio, accentuato dall’11 settembre....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    In migliaia contro il certificato COVID

    PAndemia

    Grande manifestazione a Berna contro la politica di restrizioni del Governo per fronteggiare il coronavirus - Palazzo federale isolato con delle transenne

  • 2

    Chiesa: «L’obbligo del pass COVID è un inutile paternalismo»

    UDC

    I delegati democentristi riuniti in assemblea a Montricher dicono «no» all’iniziativa «per cure infermieristiche forti» e «no» a quella per la giustizia - Adottata una risoluzione contro le città governate dalla sinistra - Il presidente della Confederazione Parmelin sulla pandemia: «La Svizzera ha limitato i danni»

  • 3
  • 4

    I lupi? Sì all’uccisione preventiva

    Svizzera

    Lo chiede la commissione dell’ambiente del Consiglio degli Stati, che ha deciso di presentare un’iniziativa parlamentare volta a modificare la legge sulla caccia

  • 5
  • 1
  • 1