Regazzi: «Quella sul CO2 è una legge pensata prima della pandemia»

camere

Per Fabio Regazzi nuove norme sono auspicabili, ma va tenuto conto della crisi economica - Bruno Storni: «Non scordiamoci che alcune tasse vanno riversate alla popolazione»

Regazzi: «Quella sul CO2 è una legge pensata prima della pandemia»
Il Nazionale ha dichiarato guerra al gasolio. © Keystone/Alessandro Della Bella

Regazzi: «Quella sul CO2 è una legge pensata prima della pandemia»

Il Nazionale ha dichiarato guerra al gasolio. © Keystone/Alessandro Della Bella

Il primo blocco (di quattro) sulla revisione della legge sul CO2 è stato dibattuto. Domani si continua. Cosa è successo fino a qui e cosa aspetta domani la Camera del popolo? Ne abbiamo parlato con due deputati ticinesi dalle vedute diverse: Fabio Regazzi, del PPD, presidente dell’Associazione industrie ticinesi e candidato unico alla presidenza dell’Unione svizzera imprenditori; e Fabio Storni, deputato socialista e vicepresidente dell’Associazione traffico ambiente.

Una legge sul CO2 ci vuole, ma la revisione che si sta discutendo al Nazionale così come la si è concepita agli Stati l’anno scorso non prende in considerazione la crisi dovuta alla pandemia di COVID-19. È questo il parere di Fabio Regazzi, che martedì, nel dibattito di entrata in materia, ha chiesto a Simonetta Sommaruga se «non...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1