Repentino aumento dei casi? «Non cediamo all’isteria»

coronavirus

Il consigliere federale Ueli Maurer invita ad analizzare i fatti e ad imparare a convivere con il virus piuttosto che mettere in campo un inasprimento generale delle misure preventive

Repentino aumento dei casi? «Non cediamo all’isteria»
© KEYSTONE/Anthony Anex

Repentino aumento dei casi? «Non cediamo all’isteria»

© KEYSTONE/Anthony Anex

Non cediamo all’isteria di fronte al repentino aumento dei casi di coronavirus: è l’appello del consigliere federale Ueli Maurer. In un’intervista pubblicata oggi dal settimanale svizzerotedesco «Schweiz am Wochenende», il ministro delle finanze invita piuttosto ad analizzare i fatti e ad imparare a convivere con il virus.

Secondo Maurer, un inasprimento generale delle regole non è opportuno: «non è accettabile chiudere di nuovo le scuole e rinchiudere in casa le persone. Dobbiamo imparare a convivere con il virus attuando in maniera coerente le misure di protezione. Ma dobbiamo poter continuare a vivere!».

Il consigliere federale invita a non concentrarsi unicamente sull’evoluzione del numero di nuovi casi. Bisogna infatti considerare anche i ricoveri in ospedale e i decessi: solo poche persone sono finite all’ospedale solo a causa di Covid-19. Nella maggior parte dei casi i pazienti soffrivano di patologie preesistenti, aggiunge.

Finora la Svizzera - osserva il ministro delle finanze UDC - non ha gestito male la crisi del coronavirus: il paese ha trovato una sua strada piuttosto ragionevole. È importante continuare su questa via continuando a correggerne l’equilibrio strada facendo.

Il consigliere federale rileva che la pandemia è già costata molto cara al paese. Quest’anno i conti della Confederazione chiuderanno con un disavanzo ordinario di 3 miliardi di franchi invece dell’eccedenza prevista di 300 milioni di franchi. Stando alle stime, le spese straordinarie si aggireranno intorno ai 17,8 miliardi di franchi, precisa lo zurighese

Per il 2021, il Dipartimento federale delle finanze prevede un deficit di 2,6 miliardi di franchi, aggiunge Maurer, aggiornando le stime comunicate a metà agosto. Tale importo comprende le spese straordinari. «Per il 2022 prevediamo ancora un deficit di un miliardo di dollari», ma ci sono grandi incognite.

Attualmente, il costo totale della pandemia è stimato tra i 25 e i 30 miliardi di franchi. Il ministro delle finanze conferma quanto già dichiarato in precedenza: non ci saranno aumenti delle tasse e nessun piano di risparmio. Grazie al buono stato delle finanze federali, la Svizzera potrà ridurre il suo debito supplementare senza dover ricorrere a tali misure, aggiunge Maurer.

Ci vorrà comunque una forte disciplina finanziaria «perché una volta superata la crisi del coronavirus, il danno economico si protrarrà per anni».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 2

    Non muore il condono parziale per gli affitti commerciali

    camere

    Il Nazionale tiene in vita il disegno di legge che prevede sconti sulle pigioni per chi nel lockdown ha dovuto chiudere — Con la seconda ondata il tema torna di attualità — Inquilini soddisfatti — Chiesa: «Non soluzione e ingerenza nel diritto privato»

  • 3

    Le manifestazioni del personale sanitario arrivano a Zurigo

    coronavirus

    Circa 500 persone si sono riunite davanti all’Ospedale universitario e hanno marciato per un chilometro in direzione del Dipartimento cantonale della sanità - Chiesto un orario che concili lavoro e famiglia e una revisione del sistema salariale

  • 4

    Pierre Maudet si dimette

    politica

    Il consigliere di Stato ginevrino ha annunciato che lascerà l’incarico e si candiderà alla sua stessa successione

  • 5

    Limite di 50 persone: la cultura svizzera saprà adattarsi?

    coronavirus

    Secondo la portavoce dell’apposita task force, alcune associazioni si troveranno in difficoltà, ma altre «saranno felici di poter lavorare, anche se in scala ridotta» - Più pessimista il direttore della Swiss Music Promoters Association: «È, de facto, un divieto professionale»

  • 1
  • 1