Riciclarono circa 2,9 milioni di euro attraverso una banca svizzera, condannati

bellinzona

Il Tribunale penale federale ha giudicato colpevoli l’ex deputato ucraino Nikolai Marynenko e un suo compatriota - L’ex parlamentare dovrà scontare 12 mesi di carcere

Riciclarono circa 2,9 milioni di euro attraverso una banca svizzera, condannati
Archivio CdT

Riciclarono circa 2,9 milioni di euro attraverso una banca svizzera, condannati

Archivio CdT

Il Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona ha giudicato colpevoli di riciclaggio qualificato di denaro l’ex deputato ucraino Nikolai (o Mykola) Martynenko e un secondo cittadino ucraino. In base all’accusa hanno riciclato circa 2,9 milioni di euro attraverso una banca svizzera.

Il tribunale con sede a Bellinzona ha condannato Martynenko a una pena detentiva di 28 mesi in parte con la condizionale. L’ex parlamentare deve scontare dodici mesi. Il TPF lo ha anche condannato a una multa condizionale di 250 aliquote giornaliere di 1000 franchi. Egli deve inoltre versare alla Confederazione un indennizzo di circa 3,8 milioni di franchi.

Il coimputato è stato condannato a 24 mesi di carcere e a una multa di 180 aliquote di 200 franchi, entrambi con la condizionale.

Oltre a ciò i due dovranno anche assumersi insieme spese di procedura che ammontano a circa 240’000 franchi.

Martynenko è stato presidente della commissione parlamentare per l’energia e la politica nucleare. In questa funzione ha aggiudicato un contratto per l’ammodernamento delle centrali elettriche ucraine alla società ceca Skoda JS senza bando di gara. In cambio, la società ha versato diversi milioni di euro alle società di proprietà di Martynenko. Queste società avevano i loro conti presso l’ex banca Hottinger.

La procura federale aveva avviato il procedimento penale in questione nel 2013. Martynenko era conosciuto tra l’altro per essere l’uomo di fiducia dell’ex presidente Petro Poroshenko.

Secondo il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) gli imputati hanno agito come membri di una banda per impedire la confisca di valori patrimoniali acquisiti delittuosamente, utilizzando i soldi delle relazioni bancarie in Svizzera per spese private e investimenti nella Confederazione e all’estero.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1