Ricilaggio di denaro: 175 sospettati identificati in Svizzera

Europol

Una vasta operazione ha portato nel mirino delle forze dell’ordine diversi spalloni nei cantoni di Vaud, Basilea, Argovia e Zurigo - Due finora gli arresti

 Ricilaggio di denaro: 175 sospettati identificati in Svizzera
©CdT/Chiara Zocchetti

Ricilaggio di denaro: 175 sospettati identificati in Svizzera

©CdT/Chiara Zocchetti

Nell’ambito di un’operazione internazionale coordinata da Europol contro il riciclaggio di denaro, 175 persone sono state identificate come spalloni nei cantoni di Vaud, Basilea, Argovia e Zurigo. Due finora gli arresti, a Zurigo.

Almeno 78 individui avevano anche il ruolo di reclutare altri spalloni, ha indicato a Keystone-ATS Anne-Florence Débois, portavoce dell’Ufficio federale di polizia (Fedpol), che ha coordinato le operazioni tra i cantoni ed Europol, l’agenzia per la lotta al crimine nell’Unione europea. Nei quattro cantoni in questione sono state aperte 45 inchieste e interrogate 57 persone.

La portavoce di Fedpol ha precisato che i «corrieri finanziari» sono spesso stati reclutati tramite annunci pubblicati sui social network o su piattaforme online. Contro la promessa di una commissione, hanno accettato di prendere una somma di denaro sul loro conto bancario e poi trasferirla all’estero. Denaro di origine illecita.

Europol riferisce in un comunicato che in totale le polizie di 31 Paesi hanno fermato 228 persone e ne hanno identificate oltre 3800 che trasportavano il denaro. L’operazione «Money Mule», condotta da settembre a novembre, ha portato all’apertura di un migliaio di indagini penali. Con l’aiuto di 650 banche e 17 altri istituti finanziari sono state scoperte 7520 transazioni fraudolente che hanno permesso di evitare «una perdita totale di 12,9 milioni di euro» (oltre 14 milioni di franchi).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1