Ritirate le ghirlande luminose pericolose della «GardenLine»

avviso

In collaborazione con l’Ispettorato federale degli impianti a corrente forte la società A. Steffen AG richiama per la seconda volta una ghirlanda luminosa della marca «GardenLine» a causa di «un rischio di folgorazione con conseguente pericolo di morte»

Ritirate le ghirlande luminose pericolose della «GardenLine»

Ritirate le ghirlande luminose pericolose della «GardenLine»

In collaborazione con l’Ispettorato federale degli impianti a corrente forte (ESTI) la società A. Steffen AG richiama per la seconda volta una ghirlanda luminosa della marca «GardenLine» a causa di «un rischio di folgorazione con conseguente pericolo di morte». Lo ha comunicato oggi l’Ufficio federale del consumo.

Secondo l’impresa, dopo il primo richiamo il numero di restituzioni si è rivelato insufficiente. I consumatori direttamente interessati sono urgentemente invitati a non utilizzare più il prodotto e a riportarlo al negozio, sottolinea la nota, aggiungendo che il prezzo di acquisto sarà rimborsato.

La ghirlanda luminosa estensibile «GardenLine outdoor» è stata venduta dal mese di giugno 2019 nei mercati edili, commercio online, ferramenta e negozi specializzati, viene precisato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    SwissCovid, strumento utile o fallimento?

    L’intervista

    Dopo aver polarizzato l’opinione pubblica l’applicazione per smartphone è finita nel dimenticatoio, gli studi però dimostrano che è effettivamente efficace per contrastrare la pandemia: la parola all’epidemiologo Viktor von Wyl

  • 2

    A causa della pandemia, in aumento la violenza domestica

    svizzera

    A causa dei continui litigi dei genitori o di altre tensioni famigliari, sempre più ragazzi e ragazze vogliono lasciare casa - Gli psicologi sono preoccupati: la seconda ondata di COVID-19 sta pesando particolarmente sulla psiche dei giovani

  • 3

    Berset incontra Chiesa per parlare delle misure anti-COVID

    pandemia

    Secondo il ticinese, l’incontro è stato sincero ed entrambi hanno potuto esporre le proprie opinioni che - come prevedibile - sono risultate divergenti: l’UDC sostiene che le chiusure siano troppo restrittive, soprattutto perché dal punto di vista economico si rischia di mettere in ginocchio numerose attività

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1