Ritirato un vecchio stock di mascherine della Confederazione

pandemia

Sono state richiamate quelle acquistate nel 2007 - Le analisi hanno mostrato tracce di contaminazione fungina

Ritirato un vecchio stock di mascherine della Confederazione
© Shutterstock

Ritirato un vecchio stock di mascherine della Confederazione

© Shutterstock

La Confederazione ha richiamato a titolo precauzionale mascherine acquistate nel 2007 e fornite a istituzioni e Cantoni: analisi hanno mostrato tracce di funghi (Aspergillus fumigatus). Saranno sostituite gratuitamente, ha comunicato oggi l’esercito.

Le mascherine contaminate provengono da un vecchio stock di 13,5 milioni di pezzi che la Confederazione aveva acquisito nell’ambito della sua preparazione a eventuali pandemie. Poiché è impossibile testare tutte le mascherine, l’intero lotto viene richiamato, precisa la nota.

La presenza di una contaminazione microbiologica è stata rilevata dal laboratorio degli Ospedali universitari di Ginevra (HUG) su un campione. Nessuna contaminazione di questo tipo è stata rilevata durante i test precedenti, sottolinea l’esercito.

Anche delle FFP2

Le maschere erano immagazzinate nella farmacia dell’esercito. All’inizio della crisi di Covid-19, sono state distribuite gratuitamente a diverse istituzioni e ai Cantoni, soprattutto nel settore sanitario. Tracce di contaminazione fungina sono state trovate su alcune e non su altre.

Anche in un altro lotto di 305’000 mascherine FFP2 sono state trovate tracce di contaminazione: pure queste saranno ritirate e verificate a titolo precauzionale. L’origine di queste tracce fungine resta un mistero: potrebbe provenire dal trasporto o dal luogo in cui sono state immagazzinate. Un’analisi è in corso.

Vallese, Ginevra e Neuchâtel

La farmacia dell’esercito ha reagito immediatamente e ha richiamato il materiale difettoso. Tutte le cerchie interessate sono state informate. Le maschere saranno sostituite a partire dalla prossima settimana.

I cantoni del Vallese, Ginevra e Neuchâtel sono particolarmente interessati dal problema, ha dichiarato il portavoce dell’esercito Daniel Reist a Keystone-ATS. L’esercito non sa chi ha dato la missione a HUG per effettuare questo test microbiologico. Il portavoce non ha commentato il fatto che buona parte del lotto sia già stato utilizzato.

Negozi non interessati

Il fungo Aspergillus fumigatus è relativamente innocuo per la maggior parte della popolazione. Ma può diventare pericoloso per le persone con sistema immunitario indebolito.

I lotti che sono stati forniti ai negozi non sono interessati. Nel mese di aprile sono state vendute 18 milioni di unità al prezzo di costo come stock di lancio.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1