«Se approviamo l’iniziativa peggioreremo la crisi»

Votazioni federali

In vista del 27 settembre, l’intervista alla consigliere federale Karin Keller-Sutter, titolare del dossier sulla libera circolazione delle persone

 «Se approviamo l’iniziativa peggioreremo la crisi»
©KEYSTONE/Gian Ehrenzeller

«Se approviamo l’iniziativa peggioreremo la crisi»

©KEYSTONE/Gian Ehrenzeller

La consigliera federale Karin Keller-Sutter è la titolare del dossier sulla libera circolazione delle persone. Secondo lei Svizzera e Ticino sono sulla stessa barca. Una eventuale caduta degli accordi bilaterali avrebbe pesanti conseguenze anche per l’economia ticinese.

In Ticino la libera circolazione ha spinto l’economia ma ha provocato anche una paralisi del traffico e un dumping salariale (dal 2016 il salario mediano è diminuito ai livelli del 2010). Per il Ticino la libera circolazione è un vantaggio?

«Il Ticino vive una situazione geo-economica particolare, di forte integrazione nello spazio di riferimento della Lombardia che determina conseguenze anche problematiche, per le quali ho la massima comprensione. Ma l’iniziativa su cui votiamo il 27 settembre chiede di rescindere l’accordo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Moreno Bernasconi
  • 2 Votazione del 27 settembre '20
Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Vaccino influenzale quasi tutto riservato

    sanità

    La seconda fornitura è in distribuzione ma per il momento resta la precedenza alle categorie a rischio – Giovan Maria Zanini: «Abbiamo chiesto uno stock d’emergenza»

  • 2

    Le sfide di un comprensorio sciistico binazionale

    vallese

    Les Portes du Soleil al confine franco-svizzero sarà confrontato con misure sanitarie diverse con impianti chiusi da una parte e aperti dall’altra - Si prevede una navetta per recuperare i clienti francesi ma il governo vallesano non ci sta

  • 3
  • 4
  • 5

    Coronavirus, insegnanti romandi al limite

    scuole

    I sindacati chiedono più risorse per il settore confrontatao a misure sanitarie, occuparsi degli allievi malati o in quarantena, colmare le assenze dei colleghi, seguire i sostituti o formarsi per palleggiare la tecnologia

  • 1
  • 1