Se le firme per il referendum le si cercano online

Democrazia diretta

La raccolta di sottoscrizioni sul Web non è un tema nuovo — La pandemia lo ha però reso di stretta attualità — Il Governo è aperto a esaminarne le possibili conseguenze — Il professor Serdült: «Rischi non da poco»

Se le firme per il referendum le si cercano online
Raccogliere firme per strada è diventato più difficile. © Shutterstock

Se le firme per il referendum le si cercano online

Raccogliere firme per strada è diventato più difficile. © Shutterstock

Nel contesto di una pandemia che ha messo alla prova la democrazia diretta, diventa utile valutare se, in futuro, vada consentita la raccolta elettronica delle firme per referendum e iniziative. Il tema va però prima di tutto sviscerato in tutti i suoi aspetti: a chiederlo è, in un postulato, la Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale. Il Consiglio federale mercoledì si è detto favorevole alla richiesta, sulla quale la Camera bassa si dovrebbe esprimere il 21 settembre.

Stando al postulato, il Governo dovrà illustrare le implicazioni «sotto il profilo istituzionale» e «le possibili ricadute sul sistema politico della Svizzera» di una simile riforma. Fra i vari punti che dovranno essere considerati vi sono il numero di firme richieste e i termini per raccoglierle stabiliti...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1