Serafe, continuano i reclami, cala il numero di fatture errate

canone radio-tv

L’anno scorso la società subentrata a Billag ha sbrigato 418’268 richieste scritte, fornendo nel contempo 849’569 consigli telefonici

Serafe, continuano i reclami, cala il numero di fatture errate
©CdT/Archivio

Serafe, continuano i reclami, cala il numero di fatture errate

©CdT/Archivio

La società che si occupa della riscossione del canone radio-tivù, Serafe, continua a ricevere lamentele: circa 35’000 reclami sono ancora pendenti. Tuttavia, il numero di fatture errate è inferiore al 2%, con tendenza al ribasso.

È quanto indica oggi il Consiglio federale in risposta a un’interpellanza del consigliere nazionale Gregor Rutz (UDC/ZH) secondo cui la riscossione del canone continua a causare problemi.

L’anno scorso Serafe, subentrata a Billag, ha sbrigato 418’268 richieste scritte, fornendo nel contempo 849’569 consigli telefonici, precisa l’esecutivo.

Sulla base di questi dati, Serafe stima che rimangano in sospeso 35’000 richieste di chiarimenti. A tale riguardo, la società di riscossione ha predisposto linee telefoniche aperte ininterrottamente dalle 8.00 alle 18.00, con personale supplementare nei giorni di punta dopo l’invio delle bollette.

Grazie a un netto miglioramento della collaborazione con i Comuni, il tasso di errore per le fatture inviate finora è inferiore al 2%. Si registra una tendenza al ribasso del numero di sinistri a meno dell’1,5%, pari a 5 mila reclami al mese.

Anche tra le aziende si segnala una diminuzione dei reclami. L’anno scorso circa il 10% delle società soggette alla tassa si era rivolta all’Amministrazione federale delle contribuzioni con domande o perché non erano d’accordo con la fattura. Alla fine, sono state 235 le ditte ad aver contestato la fattura. Ma per quest’anno si registra un solo reclamo inoltrato a metà marzo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1