Si apre la campagna dell’UDC per l’immigrazione moderata

verso il 17 maggio

I delegati democentristi riuniti a Seedorf hanno discusso anche l’allentamento della protezione dei lupi in Svizzera

Si apre la campagna dell’UDC per l’immigrazione moderata
Ueli Maurer. ©KEYSTONE/Urs Flueeler

Si apre la campagna dell’UDC per l’immigrazione moderata

Ueli Maurer. ©KEYSTONE/Urs Flueeler

Si apre la campagna dell’UDC per l’immigrazione moderata
©KEYSTONE/Urs Flueeler

Si apre la campagna dell’UDC per l’immigrazione moderata

©KEYSTONE/Urs Flueeler

Si apre la campagna dell’UDC per l’immigrazione moderata
©KEYSTONE/Urs Flueeler

Si apre la campagna dell’UDC per l’immigrazione moderata

©KEYSTONE/Urs Flueeler

Si apre la campagna dell’UDC per l’immigrazione moderata
©KEYSTONE/Urs Flueeler

Si apre la campagna dell’UDC per l’immigrazione moderata

©KEYSTONE/Urs Flueeler

L’UDC ha lanciato oggi la campagna per la sua iniziativa «Per un’immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)» sulla quale il popolo è chiamato a esprimersi il 17 maggio. L’abolizione della libera circolazione delle persone con l’Unione europea (Ue) e quindi la limitazione dell’immigrazione potrebbe risolvere molti problemi sociali, finanziari ed ecologici, hanno sostenuto i delegati democentristi, riuniti in assemblea a Seedorf (UR).

La direzione del partito ha dipinto un quadro di una Svizzera sovrappopolata e fortemente plasmata dagli immigrati. Il rimedio è la fine della libera circolazione delle persone, come propone l’iniziativa per la limitazione, è stato detto.

«Non vogliamo una Svizzera con 10 milioni di abitanti», ha affermato il presidente dell’UDC Albert Rösti. La Confederazione deve tornare a regolare l’immigrazione in modo indipendente, come faceva prima della libera circolazione delle persone e come fanno molti Stati di successo.

Il testo in votazione il 17 maggio ha quale obiettivo l’attuazione dell’iniziativa contro l’immigrazione di massa accettata dal popolo nel 2014. Chiede la rinegoziazione con l’Ue della libera circolazione delle persone ed eventualmente la rescissione dell’accordo con il rischio di mettere a repentaglio tutti gli accordi bilaterali I a causa della cosiddetta clausola «ghigliottina».

L’iniziativa di limitazione, tuttavia, non è un testo di annullamento, come sostengono gli oppositori, ha precisato Rösti. Ad essere interessati sarebbero solo sei degli oltre 120 trattati bilaterali. L’importante accordo di libero scambio non verrebbe in alcun caso toccato.

Secondo Rösti, la libera circolazione delle persone non ha portato ulteriore benessere alla Svizzera, ma solo un’elevata immigrazione con una conseguente pressione su posti di lavoro, salari e servizi sociali. Ogni anno, 50’000 persone su base netta continuano a immigrare in Svizzera, ha detto Rösti. Chi fa il pendolare fa i conti ogni giorno con strade congestionate e treni pieni e sporchi.

Il freno all’immigrazione per il presidente dell’UDC è anche un mezzo efficace per combattere gli affitti troppo elevati e la cementificazione della Svizzera. Gli immigrati non dormono sotto i ponti, ha puntualizzato, aggiungendo che la migrazione comporta anche un aumento delle emissioni di CO2.

Regioni di confine insicure

L’UDC ritiene inoltre che la libera circolazione metta in pericolo la sicurezza, soprattutto nelle regioni di confine. La consigliera nazionale Céline Amaudruz (UDC/GE) ha affermato che la libera circolazione delle persone permette a soggetti indesiderati di soggiornare in Svizzera.

L’UDC con le sue richieste si considera un combattente solitario. Non ci si poteva aspettare nulla dai partiti alla sinistra dell’UDC, ha detto il consigliere nazionale Marcel Dettling (UDC/SZ). Anche le grandi imprese si battono contro l’iniziativa per la limitazione perché i molti manager stranieri non conoscono la Svizzera e il suo desiderio di libertà. Ma il popolo svizzero non si lascia comprare.

Secondo l’UDC anche il governo a livello nazionale sta fallendo sulla questione dell’immigrazione. Dov’è il lungimirante, coraggioso e responsabile Consiglio federale che alla fine agisce in modo coerente e negozia in modo energico e dice in modo chiaro e tondo all’Ue che ora basta, si è chiesto il consigliere nazionale e presidente del gruppo parlamentare Thomas Aeschi (UDC/ZG).

Fiducia in se stessi e pragmatici

Con questa critica Aeschi non si riferiva al consigliere federale democentrista Ueli Maurer. Questi, davanti ai delegati, ha detto che la Svizzera ha bisogno dell’Unione europea, ma quest’ultima è anche un partner e negozia su un piano di parità. «Non dobbiamo andare a Bruxelles per ricevere ordini», ha sottolineato.

Maurer ha anche sostenuto una politica climatica pragmatica. Ha affermato che la Svizzera non dovrebbe perdere il contatto con la realtà a causa di questa attenzione sul clima. Per Maurer, la rinuncia non è una soluzione, perché la gente vuole la prosperità. È importante concentrarsi su soluzioni tecniche a prezzi accessibili.

«Sì» all’allentamento della protezione dei lupi

Il 17 maggio non si voterà solo sull’iniziativa per la limitazione ma anche anche sulla revisione della legge sulla caccia, che prevede un allentamento della protezione del lupo. I delegati UDC - con 356 voti contro 8 - hanno detto sì al testo. Si tratta di una sorta di iniziativa per la limitazione del lupo, ha detto il consigliere nazionale Franz Ruppen (UDC/VS).

Il testo prevede che specie animali protette potrebbero essere abbattute preventivamente, cioè senza aver mai causato alcun danno. Ad esempio, i lupi potrebbero essere uccisi per regolamentarne la popolazione, senza che essi abbiano causato danni e senza dover prendere in precedenza misure di protezione del bestiame. Le organizzazioni per la protezione della natura hanno lanciato un referendum.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Coronavirus, dimezzati gli ospiti cinesi

    turismo

    Nel primo trimestre dell’anno «ci aspettiamo un calo del 50% del loro numero», ha indicato il direttore di Svizzera Turismo, Martin Nydegger - Lo scorso anno le cinque destinazioni più visitate dai turisti cinesi sono state Zurigo, Lucerna, Interlaken, Grindelwald e Zermatt

  • 2
  • 3
  • 4

    Turismo, record di pernottamenti

    svizzera

    Nel 2019 la domanda di ospiti svizzeri ha totalizzato 17,9 milioni di pernottamenti, segnando un nuovo primato - In Ticino registrato un aumento dell’1,7% dopo il crollo del 2018 -

  • 5
  • 1
  • 1