Si aprono le danze e il Nazionale stringe sui lobbisti

Berna

Con la cerimonia di insediamento e l’elezione dei presidenti delle Camere ha preso il via la nuova legislatura - Per cominciare i deputati invocano subito più trasparenza

Si aprono le danze e il Nazionale stringe sui lobbisti
I quattro nuovi volti della deputazione ticinese da sinistra i consiglieri nazionali Piero Marchesi (UDC), Bruno Storni (PS), Grety Gysin (Verdi) e Alex Farinelli (PLR). © CdT/Gabriele Putzu

Si aprono le danze e il Nazionale stringe sui lobbisti

I quattro nuovi volti della deputazione ticinese da sinistra i consiglieri nazionali Piero Marchesi (UDC), Bruno Storni (PS), Grety Gysin (Verdi) e Alex Farinelli (PLR). © CdT/Gabriele Putzu

DA BERNA - È entrato in carica il Parlamento più giovane, più femminile (96 rappresentanti su 246 nelle due Camere) e più ecologista dalla fondazione dello Stato federale. Per una legislatura che la decana per militanza del Nazionale Maya Graf (Verdi/BL), chiamata a presiedere la seduta inaugurale, non ha esitato a definire «storica». Tutti questi cambiamenti, ha detto, sono promettenti per dare il via a una nuova era. Grosse aspettative e speranze anche per Andri Silberschmidt (PLR/ZH), che con i suoi 25 anni è il deputato più giovane. L’abbassamento dell’età media, ha detto, è positivo per trovare una soluzione a due temi che toccano la sua generazione: la previdenza e il clima.

Sotto le tribune gremite di parenti e amici, i 200 deputati della Camera bassa eletti lo scorso 20 ottobre sono...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1