Situazione straordinaria nella Svizzera intera e controlli a tutte le frontiere

Pandemia

Il Consiglio federale ha deciso di estendere i provvedimenti restrittivi a tutto il Paese a partire dalla mezzanotte fino al 19 aprile - Berset: «La situazione peggiorerà, state a casa» - Keller-Sutter: «Gli svizzeri all’estero rientrino» - Amherd: «L’esercito non veniva mobilitato così dalla Seconda Guerra Mondiale» - LA DIRETTA DA BERNA

Situazione straordinaria nella Svizzera intera e controlli a tutte le frontiere
©KEYSTONE/Anthony Anex

Situazione straordinaria nella Svizzera intera e controlli a tutte le frontiere

©KEYSTONE/Anthony Anex

Situazione straordinaria nella Svizzera intera e controlli a tutte le frontiere
©KEYSTONE/Peter Klaunzer

Situazione straordinaria nella Svizzera intera e controlli a tutte le frontiere

©KEYSTONE/Peter Klaunzer

(Aggiornato alle 18.15) - I morti in Svizzera affetti da coronavirus salgono a 18 e il Consiglio federale, che nel fine settimana si è riunito a più riprese in sedute straordinarie, ha convocato nuovamente la stampa per aggiornare la popolazione. Presenti la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, i consiglieri federali Alain Berset, Viola Amherd, Karin Keller-Sutter, il capo della Divisione malattie trasmissibili Daniel Koch, la direttrice della SECO Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch e il capo dell’Esercito Thomas Suessli. Una conferenza stampa era inizialmente prevista alle 15, ma slittata poi alle 17. Questo ha tra l’altro creato grande attesa con oltre 100.000 persone collegate al canale YouTube della Confederazione. Sempre più cantoni, intanto, hanno spontaneamente optato per il lockdown, anticipando così quanto annunciato oggi dal Governo federale.

LA DIRETTA

«Serve una reazione forte e serve ora» - Simonetta Sommaruga: «Il Consiglio federale ha deciso oggi di dichiarare da mezzanotte al 19 aprile la situazione straordinaria in tutta la Svizzera in modo da uniformare le misure». «È importante perché dobbiamo rallentare il virus nell’interesse di tutti noi, giovani e anziani». «È un appello del Consiglio federale a tutta la popolazione svizzera: prendete sul serio queste misure. Non vi lasciamo da soli. Faremo di tutto per occuparci di voi e della vostra salute. Così come ci occuperemo dell’economia». «Serve una reazione forte e serve ora». «Nessuno è immune a questa crisi».

«State a casa, la situazione peggiorerà» - Alain Berset: «Ci siamo sentiti con i cantoni con cui collaboriamo perché loro sono essenziali nel gestire la lotta al coronavirus». «Abbiamo analizzato le prime misure attuate venerdì e abbiamo constatato che non erano sufficienti, né venivano applicate in maniera uniforme, è quindi stato deciso di inasprirle. Lo abbiamo fatto per proteggere la popolazione, in particolar modo i gruppi più vulnerabili che ricordo sono gli over 65 e coloro che soffrono di malattie pregresse. A loro dico: state a casa».

A restare chiusi in tutta la Svizzera a partire dalla mezzanotte, continua Berset, saranno, proprio come in Ticino: ristoranti, bar, discoteche, palestre, musei, cinema, parchi, stazioni sciistiche, commerci, parrucchieri, estetisti, studi di tatuaggio, night club, biblioteche, così come le scuole. Tutto fino al 19 aprile. Esclusi i negozi che vendono prodotti di prima necessità come gli alimentari, ma anche macellerie e panetterie, farmacie, banche, poste e simili.

«Il Consiglio federale si appella alla responsabilità di ogni individuo e invita le aziende a ricorrere al lavoro ridotto. Tenere le distanze può salvare vite», continua Berset. «La situazione nell’immediato peggiorerà, ma poi migliorerà».

«Gli svizzeri all’estero rientrino a casa» - Karin Keller-Sutter: «Come sapete sono stati reintrodotti i controlli alla frontiera con l’Italia, oggi la misura viene estesa anche a Germania, Francia e Austria, così come agli aeroporti». «I confederati attualmente all’estero sono invitati a rientrare in Svizzera». «I richiedenti l’asilo che non rappresentano pericolo particolare vengono trattati come gli altri, se arrivano per esempio dall’Italia devono presentare lì la domanda».

«L’esercito è presente» - Viola Amherd: «Il Consiglio federale ha deciso che l’esercito sosterrà con 8.000 unità la lotta al coronavirus in primis il settore sanitario (come ad esempio per il trasporto di pazienti, disinfezione dei letti, cucina, lavanderia, pulizia) ma anche quello logistico (per costruire per esempio infrastrutture temporanee per la distribuzione di viveri dove quelle attuali non bastassero più) e la sicurezza (compreso il sostegno delle guardie di confine)». Questo provvedimento resterà in vigore fino alla fine di giugno. «La mobilitazione dell’esercito che mettiamo in campo non si era vista dalla Seconda Guerra Mondiale».

L’approvvigionamento di prodotti alimentari e medicine verrà sempre garantito, hanno ribadito a più riprese sia la presidente Sommaruga sia il ministro della Salute Berset. L’importante è continuare a rispettare le distanze sociali e le norme di igiene anche all’interno dei commerci.

Rispondendo ad una domanda della stampa, il capo della Divisione malattie trasmissibili Daniel Koch ha ricordato che le mascherine sono importanti soprattutto per le persone già contagiate e per il personale sanitario che è fondamentale non si ammali. Riguardo invece ai posti disponibili nelle cure intensive, Viola Amherd ha risposto che una lista c’è ma è dinamica quindi non c’è un numero specifico.

Come devono fare le migliaia di attività intaccate da queste misure? Come faranno a non fallire?, viene chiesto ancora dai giornalisti presenti. Alla domanda risponde Berset che ricorda che il Consiglio federale ha preso sul serio la situazione e la priorità è la salute della popolazione ma pensa anche alle conseguenze, come è stato anticipato con i primi provvedimenti annunciati venerdì a sostegno dell’ambito commerciale. «Non vuol dire che tutto si ferma». «Ci sono strumenti come il lavoro ridotto, come le fideiussioni, ma anche altre soluzioni che stiamo ancora elaborando, che devono essere soppesate. Stiamo lavorando a pieno regime per farlo», ha continuato la direttrice della SECO Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch.

Parlando dei test per identificare i portatori di coronavirus, Daniel Koch ha affermato che all’inizio dell’epidemia si effettuavano «tamponi» sulle persone in provenienza dalle zone a rischio e che presentavano sintomi. Quando è risultato chiaro che il virus si stava diffondendo sul territorio svizzero, sono state testate solo le persone con sintomi gravi e che necessitavano di un’ospedalizzazione. Ora che la Svizzera dispone di test in quantità, vengono eseguite analisi anche a chi ha sintomi lievi. Sono circa 2000 i tamponi eseguiti quotidianamente, ha precisato Koch. Per quel che riguarda il numero di persone risultate positive, ha parlato di 2300 fino all’inizio della conferenza stampa del Consiglio federale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Coronavirus
  • 2 Red. Online
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1