Società degli Impresari-Costruttori, congiuntura nel settore principale della costruzione temporaneamente positiva

svizzera

Effetti straordinari e di recupero della pandemia da coronavirus

Società degli Impresari-Costruttori, congiuntura nel settore principale della costruzione temporaneamente positiva
© cdt/zocchetti

Società degli Impresari-Costruttori, congiuntura nel settore principale della costruzione temporaneamente positiva

© cdt/zocchetti

Nel 3° trimestre 2021, gli impresari costruttori hanno generato un fatturato eccezionalmente elevato pari a 6,4 miliardi di franchi. Ciò è dovuto agli effetti di recupero dell’anno pandemico, che hanno portato a un’alta riserva di lavoro all’inizio di quest’anno. Dall’inizio del 2021, sono stati creati 6.500 nuovi posti di lavoro. Questo è quanto emerge dall’inchiesta trimestrale condotta dalla Società Svizzera degli Impresari-Costruttori. Tuttavia, gli indicatori previsionali suggeriscono che il fatturato e l’occupazione dovrebbero tornare alla normalità l’anno prossimo.

L’attività di costruzione è stata eccezionalmente forte con 6,4 miliardi di franchi nel terzo trimestre 2021, il trimestre con il fatturato più elevato degli ultimi tre decenni almeno. Tutti e cinque i settori, dall’edilizia residenziale al genio civile pubblico, hanno dato un contributo positivo alla crescita. L’occupazione è salita a circa 91.500 lavoratori permanenti, il livello più alto da quasi 20 anni. Tuttavia, quella che sulla carta sembra una fase di forte espansione deve essere relativizzata a causa dei forti effetti straordinari e di recupero: si noti che il settore principale della costruzione ha alle spalle un anno e mezzo debole, che è stato segnato dalla pandemia da coronavirus e dai massicci aumenti dei prezzi dei materiali da costruzione.

Se i loro piani ambiziosi si realizzeranno, gli impresari costruttori genereranno un fatturato considerevole anche nell’ultimo trimestre. L’indice costruzioni, lo strumento previsionale del Credit Suisse e della SSIC, prevede un’attività di costruzione di 6 miliardi di franchi per l’ultimo trimestre. Questo riporterebbe il fatturato di quest’anno al livello del 2019 - che è stato sinora l’anno record - e forse lo supererebbe.

Fenomeno temporaneo

Per la Società Svizzera degli Impresari-Costruttori, l’attuale ripresa, innescata dagli effetti straordinari e di recupero della pandemia da coronavirus, è un fenomeno temporaneo. A medio termine, è probabile che l’attività di costruzione si stabilizzi di nuovo a un livello più basso.

A causa della crisi scatenata dalla pandemia, l’afflusso di ordini nel 2020 ha inizialmente subito un forte calo. All’inizio del primo trimestre dell’anno in corso, c’è stato un impressionante effetto di recupero, con 7,2 miliardi di CHF di nuovi ordini assegnati, un valore record. In seguito, però, la situazione ha subito un rallentamento notevole e nel secondo trimestre sono stati impartiti ordini per 5,8 miliardi di franchi, e ora per 5,3 miliardi di franchi. Le riserve di lavoro vengono alacremente smaltite, da 17 miliardi di franchi alla fine di marzo di quest’anno a 15,4 miliardi di franchi alla fine di settembre.

Con l’attività di costruzione prevista nell’ultimo trimestre, è probabile che le riserve di lavoro diminuiscano ulteriormente. Il numero e il volume delle domande di nuove costruzioni potrebbero aver già superato il picco, e anche l’assegnazione di appalti e aggiudicazioni pubbliche sta rallentando.

Per queste ragioni, non è garantito che l’attuale alto livello di occupazione possa essere mantenuto. In genere, l’occupazione nel settore principale delle costruzioni raggiunge il suo picco annuale alla fine di settembre, dopo di che l’occupazione scende di diversi punti percentuali a causa della meteo invernale. Attualmente, sembra piuttosto improbabile che l’anno prossimo l’occupazione aumenti in modo così forte come nel 2019 o nel 2021.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1