Solo col pass al ristorante?

Dibattito

Sulla scia delle decisioni francesi e italiane, di un’estensione dell’uso del certificato COVID se ne parla sempre di più anche in Svizzera — Philippe Nantermod favorevole, «se la situazione epidemiologica lo richiede» — Fabio Regazzi: «Attenzione a non alimentare il malcontento»

Solo col pass al ristorante?
Servirà anche per andare al ristorante? © CdT/Chiara Zocchetti

Solo col pass al ristorante?

Servirà anche per andare al ristorante? © CdT/Chiara Zocchetti

L’ipotesi di un’estensione dell’utilizzo del certificato COVID anche in settori dove per ora non è previsto – come già successo in Francia e ci si sta preparando a fare in Italia - si fa sempre più forte. A Berna, mentre per alcuni è la giusta via da percorrere, per altri c’è bisogno di evitare troppo malcontento fra la popolazione, soprattutto in previsione del voto sulla Legge COVID-19 di novembre.

Negli scorsi giorni la possibilità di richiedere il pass sanitario in più settori rispetto alle norme attuali si è fatta sentire anche nelle dichiarazioni di Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni: «In caso di aumento dei contagi, il certificato COVID per vaccinati, guariti e testati potrebbe essere impiegato non solo per i grandi eventi, come accade oggi, ma...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1