Sommaruga: «Speravamo di restare aperti fino all’ultimo»

Le reazioni

La presidente di Federcommercio Lorenza Sommaruga commenta a caldo le decisioni del Consiglio federale

Sommaruga: «Speravamo di restare aperti fino all’ultimo»
© CdT/Gabriele Putzu

Sommaruga: «Speravamo di restare aperti fino all’ultimo»

© CdT/Gabriele Putzu

«Speravamo di rimanere aperti fino all’ultimo». Così Lorenza Sommaruga, presidente di Federcommercio. Il Ticino, dunque, da lunedì abbasserà le saracinesche ai negozi considerati non essenziali. «Prendiamo atto della decisione presa dalle autorità» prosegue la nostra interlocutrice. «La comprendiamo, anche, sebbene aggiunga ulteriori difficoltà al nostro settore. Per questo, auspichiamo che le stesse autorità ora intervengano pesantemente con gli aiuti».

Il problema, aggiunge Sommaruga, è che «all’incertezza si sta aggiungendo altra incertezza». E ancora: «Noi sappiamo, ora, che dovremo chiudere i nostri negozi. Ma non sappiamo, purtroppo, quando potremo riaprirli. Perciò, spero venga fatta un po’ di chiarezza. Detto questo, comprendo il malumore di alcuni».

Punzecchiata sul giro di vita imposto da Berna, Sommaruga si limita ad affermare che «perlomeno le aperture natalizie hanno permesso di salvare il salvabile». Ovvero, «noi negozianti siamo riusciti a limitare i danni». Allo stesso tempo, Sommaruga non si esprime sulla decisione di chiudere: «Non ho le competenze per farlo».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1