«Sono orribili quelle lettere con bambini che piangono»

Incontro a Trevano

La direttrice della Direzione sviluppo e cooperazione Patricia Danzi per la prima volta ospite in Ticino - Le sfide del settore, i vaccini nei Paesi poveri, l’aiuto umanitario, la questione afghana, i pregi e gli errori delle ONG

 «Sono orribili quelle lettere con bambini che piangono»

«Sono orribili quelle lettere con bambini che piangono»

«Trovo orribile che sotto Natale le ONG inviino ancora lettere raffiguranti bambini che piangono e nelle quali si dice che con una piccola donazione questi non avranno più fame. È un atteggiamento del secolo scorso, che fa danni. Bisogna dare un’altra immagine della cooperazione». Patricia Danzi, originaria della Nigeria, di Kerns (OW) e di Prato Leventina, dirige dall’anno scorso la Direzione dello sviluppo e della cooperazione, l’agenzia del Dipartimento federale affari esteri che si occupa della cooperazione internazionale, con l’obiettivo principale di lottare contro la povertà nel mondo. Giovedì sera l’alta funzionaria federale è stata ospite di un evento a Trevano organizzato dalla FOSIT (la Federazione delle ONG della Svizzera italiana) con Coscienza svizzera. Danzi è la prima donna...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1