Svizzera-UE: «Basta con le punzecchiature»

la nostra intervista

L’europarlamentare austriaco Lukas Mandl è incaricato di redigere un rapporto sulle relazioni con il nostro Paese – In autunno lo presenterà alla Commissione affari esteri a Bruxelles - Spiega: «Si è messo troppo l’accento sulle differenze, meno sui punti comuni»

 Svizzera-UE: «Basta con le punzecchiature»
©Shutterstock

Svizzera-UE: «Basta con le punzecchiature»

©Shutterstock

Nonostante il fallimento dei negoziati sull’accordo quadro, le relazioni fra Berna e Bruxelles sono «funzionanti ed eccellenti ogni minuto di ogni giorno». «Le trattative per l’accordo quadro hanno mostrato come non affrontare i negoziati. Da entrambe le parti, troppa attenzione è stata data a ciò che ci divide e troppo poca ne è stata data a ciò che abbiamo in comune. Eppure quello che ci accomuna è molto di più». Queste le parole, inserite nel contesto di un comunicato, dell’europarlamentare austriaco Lukas Mandl alla fine di un incontro, il 21 luglio, con Ignazio Cassis a Bruxelles. Nelle prossime settimane, il deputato dell’ÖVP scriverà un rapporto sulle relazioni con la Svizzera per conto della Commissione affari esteri del Parlamento europeo. Nella fase di stallo in cui si trovano l’UE...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1