Swiss intende tagliare altri 780 posti di lavoro a tempo pieno

svizzera

La flotta sarà ridotta del 15% rispetto al 2019 - La compagnia aerea sta pianificando una ristrutturazione in risposta ai cambiamenti del mercato

Swiss intende tagliare altri 780 posti di lavoro a tempo pieno
© KEYSTONE/Ennio Leanza

Swiss intende tagliare altri 780 posti di lavoro a tempo pieno

© KEYSTONE/Ennio Leanza

A causa dell’attuale pandemia da coronavirus Swiss taglia il personale e la sua flotta: i licenziamenti operativi colpirebbero potenzialmente fino a 780 dipendenti di terra e di volo, ha comunicato oggi la filiale di Lufthansa precisando che la a flotta di 90 aerei sarà ridotta del 15% rispetto al 2019.

Le misure dovrebbero permettere di risparmiare complessivamente circa 500 milioni di franchi. La prevista riduzione della flotta e l’introduzione di ulteriori misure avranno anche un impatto sulla dimensione della forza lavoro, precisa la nota. Tenendo conto dei tagli di posti di lavoro avviati dal 2020 attraverso misure volontarie e la naturale fluttuazione del personale la riduzione degli effettivi si tradurrebbe in una diminuzione complessiva di circa 1’700 posti equivalenti a tempo pieno, che rappresenterebbe un calo di oltre il 20%.

Entro la fine del 2021, Swiss avrà tagliato più di 1’000 posti di lavoro a tempo pieno attraverso la fluttuazione naturale e misure volontarie. Tuttavia, ulteriori riduzioni del personale saranno probabilmente inevitabili, continua il comunicato. Il ridimensionamento previsto potrebbe interessare fino a 780 dipendenti (650 posti a tempo pieno), di cui circa 200 tra il personale di terra, 60 tecnici, 400 membri dell’equipaggio di cabina e 120 membri del personale di cockpit. È stato lanciato un processo di consultazione.

Sulle rotte a corto e medio raggio, il numero di aerei si ridurrebbe da 69 a 59 in seguito al ritiro di velivoli della famiglia Airbus A320 e alla riduzione del settore wet lease (accordo per il noleggio di aerei con equipaggio). Sulle rotte a lungo raggio, Swiss intende ridurre la sua flotta da 31 a 26 aerei. Cinque aerei della famiglia Airbus verrebbero messi fuori servizio.

Il sindacato dei servizi pubblici (VPOD-SSP) dice che ora vuole usare il processo di consultazione per far sì che Swiss riconsideri la sua strategia ad alto rischio. Gli studi attuali hanno mostrato scenari positivi per il traffico aereo. Entro la fine del 2021, il traffico aereo potrebbe già raggiungere un livello simile a quello prima della crisi, indica il sindacato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 2

    Parmelin «condanna senza riserve» i disordini di Berna

    contro le misure covid

    La manifestazione non autorizzata con oltre 3 mila persone andata in scena ieri sera davanti a Palazzo federale non è andata giù al presidente della Confederazione – La polizia è dovuta intervenire con cannoni ad acqua, proiettili di gomma e gas irritanti

  • 3

    Una giornata dedicata all’acquisto di seconda mano

    SVIZZERA

    Il 25 settembre 2021 va in scena il Secondhand Day: nessuno dovrebbe acquistare nulla di nuovo – «In un solo giorno si può evitare la produzione di emissioni pari al volume emesso in un giorno intero da una grande città svizzera come Zurigo o Ginevra»

  • 4

    Berna non ascolta il Ticino: la spesa in Italia anche senza pass

    SVIZZERA

    Per entrare in Svizzera certificato COVID o doppio tampone, il secondo tra il quarto e il settimo giorno dall’arrivo, e PLF per tutti – Ma il Consiglio federale tiene conto degli stretti rapporti commerciali, sociali e culturali con le regioni di confine – Tamponi a pagamento? Nessun dietrofront, ma forse «eccezioni»

  • 5

    Sì alla politica climatica, ma niente tasse sulla benzina

    SVIZZERA

    La Svizzera dovrà dimezzare entro il 2030 le emissioni di gas serra – Per il Consiglio federale sono stati proprio i balzelli a far pendere l’ago della bilancia nella votazione del 13 giugno – No a nuove tasse, sì a incentivi

  • 1
  • 1