Terapie intensive: cambiano i criteri in caso di triage

La decisione

L’Accademia svizzera delle scienze mediche ha adeguato le linee guida in caso di sovraccarico dei reparti: in futuro verranno presi in considerazione gli sforzi richiesti e la durata del trattamento

Terapie intensive: cambiano i criteri in caso di triage
© CdT/Gabriele Putzu

Terapie intensive: cambiano i criteri in caso di triage

© CdT/Gabriele Putzu

Se i reparti di terapia intensiva dovessero essere così pieni da dover costringere il personale sanitario a fare delle scelte, in futuro verranno presi in considerazioni anche criteri di ammissione come l’investimento previsto e la durata del trattamento. L’Accademia svizzera delle scienze mediche (ASSM) ha adeguato in questo senso le sue linee guida.

Si è proceduto all’aggiornamento perché - a differenza delle prime ondate pandemiche di Covid 19 - più pazienti giovani e precedentemente sani sono in terapia intensiva, precisa una nota odierna diffusa dall’ASSM e dalla Società svizzera di medicina intensiva (SSMI).

L’obiettivo delle linee guida in caso di «triage» rimane quello di prendere decisioni in caso di sovraccarico delle capacità in modo tale che sia salvato il maggior numero possibile di vite. Quello che viene esplicitamente menzionato in questa nuova versione è che anche l’investimento associato al trattamento intensivo dovrebbero essere preso in considerazione.

Se la prognosi per la sopravvivenza è la stessa, allora gli interventi che hanno probabilità di avere un effetto in tempi brevi hanno la precedenza su quelli più a lungo termine. Il primo e più importante criterio, rimane comunque la prognosi di sopravvivenza a breve termine.

I pazienti che hanno maggiori probabilità di trarre beneficio da un trattamento intensivo hanno la massima priorità. Età, sesso, disabilità, demenza, stato sociale o stato vaccinale non sono invece criteri utilizzabili in caso di triage, poiché violerebbero il divieto di discriminazione. Il rispetto del valore della vita di ogni individuo è uguale solo se non si fanno distinzioni sulla base delle opinioni, delle decisioni o delle azioni dell’individuo, si legge nelle linee guida dell’ASSM.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    CCL Shop, pressing a Berna

    politica

    Per il Parlamento, il Consiglio di Stato deve far pressioni affinché Berna revochi la decisione di escludere il Ticino dall’obbligatorietà generale del salario minimo previsto dal contratto collettivo di lavoro nazionale

  • 2
  • 3

    San Gallo, attacco hacker a città e cantone

    Pirateria informatica

    Gli esperti della società di hosting sono riusciti a intervenire e a mettere a punto un sistema per riconoscere allo stadio precoce qualsiasi nuovo tentativo di intrusione

  • 4

    Agenti ticinesi al WEF, non si cambia

    politica

    Il Gran Consiglio ha respinto una mozione dell’MPS che chiedeva di non inviare più le forze dell’ordine al Forum economico e ad altri eventi simili

  • 5
  • 1
  • 1