Tutti contro l'UDC per il caso Donzallaz

Camere

Il gruppo democentrista non vuole più rieleggere un «suo» giudice al Tribunale federale - L'accusa al magistrato è di non essere in linea con i valori del partito - Le altre formazioni denunciano

 Tutti contro l'UDC per il caso Donzallaz
©KEYSTONE/Laurent Gillieron

Tutti contro l'UDC per il caso Donzallaz

©KEYSTONE/Laurent Gillieron

Possono fregarsi le mani i promotori dell’iniziativa popolare sulla giustizia, che chiede la designazione dei giudici federali mediante sorteggio. La decisione del gruppo UDC di non rieleggere il democentrista vallesano Yves Donzallaz in quanto considerato non in linea con i valori del partito ha avviato una polemica che porterà acqua al loro mulino. Il rinnovo delle cariche per i prossimi sei anni è in programma domani da parte dell’Assemblea federale. Eletto per la prima volta nel 2008, 58 anni, Donzallaz è finito nel collimatore del suo partito per due sentenze del Tribunale federale di cui è stato coprotagonista: una del 2015, secondo la quale l’accordo di libera circolazione prevale sulla votazione contro l’immigrazione di massa (9 febbraio 2014); la seconda l’anno scorso, quando con il...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1