Tutti uniti contro l’omofobia, ma la legge svizzera cosa dice?

SPORT E POLITICA

Monaco risponde al divieto della UEFA di illuminare l’Allianz Arena portando i colori dell’arcobaleno in città – Intanto la questione dei diritti LGBT divide anche la politica italiana – Ma l’ordinamento giuridico del nostro Paese cosa prevede sul tema?

Tutti uniti contro l’omofobia, ma la legge svizzera cosa dice?
© AP/Matthias Schrader

Tutti uniti contro l’omofobia, ma la legge svizzera cosa dice?

© AP/Matthias Schrader

«La UEFA rispetta l’arcobaleno». Con un dribbling diplomatico alla fine anche la UEFA ha deciso di indossare i colori dell’arcobaleno. E così, a poche ore dalla partita Germania-Ungheria, l’organizzazione sportiva ieri ha colorato il proprio logo con i colori dell’arcobaleno, affidando nel contempo a un comunicato stampa la sua posizione ufficiale: «L’arcobaleno è un simbolo che promuove tutto ciò in cui crediamo: una società più giusta ed egualitaria, tollerante verso tutti, indipendentemente dalla loro provenienza, credo o genere». E l’Allianz Arena? Nessun dietrofront. Nessuna illuminazione con i colori dell’arcobaleno, simbolo del movimento LGBT, come richiesto invece dalla città di Monaco di Baviera che ospitava l’incontro. Nella nota stampa diffusa ieri, la UEFA ha ribadito la sua neutralità...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1