UBS: lunedì atteso il verdetto in appello a Parigi

Giustizia

Secondo atto della vertenza che oppone lo Stato francese alla banca svizzera in un caso di evasione fiscale - Gli inquirenti avevano stimato che gli averi nascosti allo sguardo del fisco ammontassero ad almeno 10 miliardi di euro - UBS ha presentato ricorso contro la sentenza e i suoi avvocati chiedono l’assoluzione

UBS: lunedì atteso il verdetto in appello a Parigi
©CdT/Gabriele Putzu

UBS: lunedì atteso il verdetto in appello a Parigi

©CdT/Gabriele Putzu

La Corte d’appello di Parigi emetterà lunedì il suo verdetto nella vertenza che oppone lo Stato francese a UBS. La banca elvetica è stata multata in prima istanza per la cifra record di 3,7 miliardi di euro nel febbraio 2019 per aver aiutato facoltosi clienti francesi ad evadere il fisco.

Assieme alla multa era stato deciso un risarcimento di 800 milioni di euro, ciò che porta il totale da versare per UBS a 4,5 miliardi di euro (circa 5 miliardi di franchi). Il tribunale penale di Parigi aveva così pronunciato la pena più pesante mai inflitta dalla giustizia francese in un caso di evasione fiscale.

La banca elvetica era stata ritenuta colpevole di essere andata a caccia di clienti in Francia, fra il 2004 e il 2022, per convincerli ad aprire conti in Svizzera non dichiarati alle autorità tributarie. Gli inquirenti avevano stimato che gli averi celati allo sguardo del fisco ammontassero ad almeno 10 miliardi di euro. Legalmente UBS è stata ritenuta colpevole di fornitura illecita di servizi finanziari a domicilio («démarchage») e di riciclaggio aggravato del provento di frode fiscale.

UBS ha presentato ricorso contro la sentenza e i suoi avvocati chiedono l’assoluzione della banca. Secondo la difesa, nessun atto di propaganda è stato stabilito e non c’è «la minima prova» che gli imputati abbiano violato le regole in vigore all’epoca dei fatti.

In appello, la procura ha chiesto «almeno» due miliardi di euro di multa. L’accusa ha anche chiesto la conferma della multa di 15 milioni di euro per UBS France, perseguita per complicità, così come pene detentive sospese e multe per cinque ex dirigenti e la condanna di un sesto.

La riduzione della multa si rifà a una sentenza del settembre 2019 della Corte di Cassazione di Parigi. All’epoca, i giudici avevano ritenuto che le sanzioni finanziarie dovessero essere calcolate sulla base delle tasse effettivamente evase e non sulla base degli importi nascosti al fisco.

La pesantissima sanzione finanziaria pronunciata in prima istanza rappresenta circa l’80% dell’utile netto generato da UBS nel 2020, pari a 6,6 miliardi di dollari (6,04 miliardi di franchi). Finora la banca ha accantonato 450 milioni di euro per questo scopo, un importo che dovrà aumentare significativamente se perde in appello.

Qualunque sia il verdetto emesso lunedì, è molto probabile che il procedimento continuerà davanti alla Corte di Cassazione. Il caso potrebbe quindi trascinarsi ancora per qualche anno, anche se l’ex CEO di UBS Sergio Ermotti voleva concluderlo ancora durante il suo mandato. Il ticinese ha ceduto le redini della banca quasi un anno fa all’olandese Ralph Hamers.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    CCL Shop, pressing a Berna

    politica

    Per il Parlamento, il Consiglio di Stato deve far pressioni affinché Berna revochi la decisione di escludere il Ticino dall’obbligatorietà generale del salario minimo previsto dal contratto collettivo di lavoro nazionale

  • 2
  • 3

    San Gallo, attacco hacker a città e cantone

    Pirateria informatica

    Gli esperti della società di hosting sono riusciti a intervenire e a mettere a punto un sistema per riconoscere allo stadio precoce qualsiasi nuovo tentativo di intrusione

  • 4

    Agenti ticinesi al WEF, non si cambia

    politica

    Il Gran Consiglio ha respinto una mozione dell’MPS che chiedeva di non inviare più le forze dell’ordine al Forum economico e ad altri eventi simili

  • 5
  • 1
  • 1