Uccise la compagna e diede fuoco alla fattoria, condannato

canton berna

Il 57.enne dovrà scontare 16 anni di carcere e pagare 100 mila franchi di indennizzi alla famiglia della vittima

Uccise la compagna e diede fuoco alla fattoria, condannato
© CdT/ Chiara Zocchetti

Uccise la compagna e diede fuoco alla fattoria, condannato

© CdT/ Chiara Zocchetti

Il Tribunale regionale di Thun (BE) ha condannato a 16 anni di carcere un 57.enne svizzero che nel 2018 aveva ucciso la sua compagna 41.enne a Frutigen (BE) ed incendiato la fattoria dove abitava la donna per coprire eventuali indizi. L’uomo dovrà anche pagare 100 mila franchi di indennizzi alla famiglia della vittima.

L’imputato, che è stato riconosciuto colpevole di omicidio intenzionale, incendio intenzionale e perturbamento della pace dei morti, ha sempre negato ogni addebito ed ha fin dall’inizio del processo sottolineato che non avrebbe accettato nessun verdetto di colpevolezza. È quindi altamente probabile che ricorrerà contro la decisione della corte.

Il tribunale ha seguito le richieste del pubblico ministero, secondo cui l’ex imprenditore dell’Oberland bernese avrebbe ucciso l’allora compagna, che aveva 41 anni, nel pomeriggio del 15 febbraio del 2018. In seguito, per distruggere le tracce dell’omicidio, avrebbe dato fuoco alla fattoria dove abitava la donna versando olio da riscaldamento e gasolio nella sua camera da letto.

L’edificio, di oltre cento anni, è stato completamente distrutto dall’incendio. Il corpo della donna è stato trovato tra le macerie il giorno dopo. Secondo gli investigatori, la vittima è verosimilmente morta prima del rogo per le ferite alla testa inflittele dall’uomo. Il 57.enne era stato arrestato in Francia il 18 febbraio 2018, tre giorni dopo l’incendio, ed estradato in Svizzera.

Siccome le affermazioni dell’accusa sono unicamente sostenute da prove indiziarie, nel corso della settimana la Corte ha ascoltato numerosi esperti e testimoni. Con l’avanzare dei dibattimenti è apparsa sempre più lampante la mancanza di prove concrete, ma alcuni fatti si sono rivelati determinanti per il verdetto.

Tra di essi la fuga del 57.enne in Francia subito dopo l’incendio, che non ha mancato di metterlo in cattiva luce. Anche la testimonianza di un’anziana conoscente che lo aveva incontrato nel parcheggio di un supermercato durante la fuga: alla donna il fuggiasco, visibilmente alterato, aveva chiesto dei soldi e un telefono sostenendo «di non poter usare il suo perché altrimenti lo avrebbero trovato».

Nel corso del processo la difesa ha invece più volte ribadito che non vi è nessuna prova che la donna fosse stata uccisa prima che scoppiasse l’incendio: la 41.enne era sotto l’influsso di droghe e farmaci e avrebbe potuto benissimo causare lei stessa il rogo facendo cadere uno spinello acceso. Per l’avvocato, l’uomo è fuggito all’estero perché alla vista della fattoria in fiamme ha ceduto al panico, temendo di non essere ritenuto attendibile a causa dei suoi problemi di dipendenza dall’alcool.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Armi: giro di vite sull’export

    controprogetto

    Il Consiglio federale sta elaborando una controproposta all’iniziativa che chiede uno stop alla vendita di materiale bellico in Paesi che violano i diritti umani: previsti inasprimenti ma anche deroghe — I promotori arricciano il naso : «Una cosa è chiara: non accetteremo nessuna nuova scappatoia»

  • 2

    Stop agli interventi chirurgici secondari a Ginevra

    coronavirus

    La grande paura è quella di essere sommersi dall’afflusso di malati ed essere costretti a scegliere chi curare e chi abbandonare al proprio destino - «Non vogliamo trovarci nella condizione primaverile della Lombardia», ha affermato il direttore dell’Ospedale universitario ginevrino

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1