Ucciso il terzo lupacchiotto del branco Beverin

Grigioni

Lo ha comunicato l’Ufficio della caccia e della pesca, specificando che il corpo dell’animale sarà ora esaminato dall’Istituto per la salute dei pesci e della fauna selvatica dell’Università di Berna

Ucciso il terzo lupacchiotto del branco Beverin
© ANSA

Ucciso il terzo lupacchiotto del branco Beverin

© ANSA

Un guardiano della selvaggina cantonale ha soppresso nella notte scorsa un terzo lupacchiotto del branco Beverin. Ciò significa che sono state effettuate tutte e tre le uccisioni autorizzate dall’Ufficio federale dell’ambiente.

Secondo l’Ufficio della caccia e della pesca, i guardiani della selvaggina hanno sparato al giovane maschio poco dopo le 3 sul territorio del Comune di Muntogna da Schons (GR) nella Val da Schons (Schams).

Allo scopo anche di spaventare il branco, l’operazione si è tenuta nei pressi dell’abitato, in una situazione ideale, stando all’Ufficio della caccia dei Grigioni. Il corpo del giovane lupo sarà ora esaminato dall’Istituto per la salute dei pesci e della fauna selvatica dell’Università di Berna.

All’inizio di settembre l’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) aveva approvato la richiesta del Cantone dei Grigioni di poter abbattere tre lupacchiotti del branco sul Piz Beverin. La domanda era giustificata dal fatto che i lupi si erano avvicinati ripetutamente alle zone residenziali. Gli altri due esemplari sono stati soppressi già in settembre, poco dopo il rilascio dell’autorizzazione.

Nel Cantone dei Grigioni vivono attualmente sei branchi di lupi, oltre al branco Morobbia che occupa la zona di confine con il Ticino e l’Italia. Dall’inizio dell’anno nei Grigioni sono stati geneticamente identificati 42 lupi, precisa oggi Arno Puorger dell’Ufficio della caccia e della pesca in risposta a una domanda di Keystone-ATS. Se considerati anche i lupi non identificati, si può stimare una popolazione complessiva grigionese di circa 60 lupi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    «La Svizzera ha bisogno di un’unità di crisi»

    In futuro

    Secondo Marcel Salathé e Christian Althaus, ex membri della task force COVID, la Confederazione deve prepararsi ad affrontare future ondate pandemiche: «Quello che manca è una gestione attiva della crisi, con il problema che risiede soprattutto nella velocità delle decisioni»

  • 2

    Prezzi dei trasporti pubblici? Nella media europea

    svizzera

    Lo mette in luce uno studio, che ha confrontato i prezzi elvetici con quelli di Italia, Francia, Germania, Austria, Gran Bretagna e Olanda, secondo cui con l’abbonamento generale si accede a un’offerta all’intero sistema molto vantaggiosa, unica nel paragone con altri Paesi

  • 3
  • 4

    Oggi torna a riunirsi il Consiglio federale

    berna

    Dopo aver posto in consultazione la proroga fino a fine marzo delle restrizioni attualmente in vigore, questo pomeriggio l’Esecutivo dovrà prendere una decisione in merito – Cantoni favorevoli, ma solo fino a fine febbraio

  • 5

    Il tabagismo nel mirino

    urne

    Il 13 febbraio si vota sull’iniziativa «Sì alla protezione dei fanciulli e degli adolescenti dalla pubblicità per il tabacco»: una soluzione per proteggere al meglio i giovani dagli effetti negativi del fumo o un’intromissione esagerata nel libero mercato? Il dossier spiegato in cinque punti

  • 1
  • 1