Un battaglione ciber contro le minacce tecnologiche

Berna

La Svizzera si doterà di un battaglione composto da soldati di milizia specializzati nel settore: sarà una componente essenziale del futuro Comando Ciber

 Un battaglione ciber contro le minacce tecnologiche
©CdT/Chiara Zocchetti

Un battaglione ciber contro le minacce tecnologiche

©CdT/Chiara Zocchetti

Per contrastare le minacce tecnologiche, la Svizzera si doterà di un battaglione ciber composto di soldati di milizia specializzati in questo campo. Il battaglione ciber, la cui istituzione è stata approvata oggi dal Consiglio federale, sarà una componente essenziale del futuro Comando Ciber, precisa una nota governativa in cui si specifica che, nell’ambito della realizzazione del progetto «Ulteriore sviluppo dell’esercito» (USEs)» è stata adeguata anche la struttura dell’armata in merito all’istruzione operativa e alcuni settori specialistici. Le ordinanza modificate in tal senso entreranno in vigore all’inizio del 2022.

In merito al battaglione ciber, precisa il comunicato, esso verrà integrato nel futuro Comando Ciber, che andrà a formare la nuova veste dell’attuale Base d’aiuto alla condotta (BAC) e sarà progressivamente istituito dall’inizio del 2024.

Dal 2018, l’esercito offre già a giovani interessati al settore ciber, che hanno per esempio svolto un apprendistato in informatica o che stanno per intraprendere degli studi in quest’ambito, la possibilità di assolvere una parte importante della loro istruzione militare di base nel quadro di un corso di formazione ciber di 40 settimane.

Assieme ad altri specialisti ciber di milizia, saranno incorporati in un battaglione ciber. Quest’ultimo accoglierà militari per il momento incorporati nelle attuali formazioni ciber, che saranno sciolte. Tale misura non ha ripercussioni per l’effettivo dell’esercito.

Nel corso della sua seduta odierna, l’esecutivo ha inoltre deciso di istituire uno stato maggiore di ingegneri delle Forze terrestri. Questo nuovo stato maggiore avrà il compito di appoggiare le Forze terrestri nell’elaborazione di disposizioni e basi militari nel settore del servizio del genio di tutte le truppe.

Anche l’istituzione dello stato maggiore di ingegneri delle Forze terrestri non avrà ripercussioni a livello di personale; sarà realizzata mediante l’incorporazione o il trasferimento di soldati di milizia con conoscenze di ingegneria in seno allo Stato maggiore delle Forze terrestri.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1