Un diplomatico al vertice dei «servizi segreti»

SICUREZZA

Il Consiglio federale ha nominato il vallesano Christian Dussey capo del SIC, al posto di Jean-Philippe Gaudin - Il nuovo responsabile degli 007 elvetici è attualmente ambasciatore a Teheran – «Scelta una persona molto qualificata»

Un diplomatico al vertice dei «servizi segreti»
© ADMIN

Un diplomatico al vertice dei «servizi segreti»

© ADMIN

Dopo l’elezione, in settembre, del nuovo procuratore generale della Confederazione, viene occupato un altro posto chiave ancora vacante nell’apparato di sicurezza. Il Consiglio federale, su proposta di Viola Amherd, ha nominato Christian Dussey direttore del Servizio delle attività informative della Confederazione. Il nuovo capo dei «servizi segreti» prende il posto occupato fino ad agosto da Jean-Philippe Gaudin, che aveva rassegnato a sorpresa le dimissioni dopo soli tre anni. Dussey, 55 anni, di origini vallesane, già direttore dal 2013 al 2020 del Centro ginevrino di politica di sicurezza, ricopre da alcuni mesi la carica di ambasciatore in Iran. Entrerà in carica il 1. aprile del 2022. «Grazie alla sua formazione e ai perfezionamenti svolti, alle sue comprovate prestazioni e alla pluriennale...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1