«Un grazie che scalda il cuore»

Consiglio federale

Non ci sono stati scontri con le forze dell’ordine: la piccola manifestazione davanti al Museo dei trasporti di Lucerna, dove l’Esecutivo ha incontrato la popolazione dopo la sua seduta «extra muros», non ha creato intoppi — A Ignazio Cassis qualche domanda critica

«Un grazie che scalda il cuore»
© KEYSTONE/Peter Schneider

«Un grazie che scalda il cuore»

© KEYSTONE/Peter Schneider

Gli uni dentro, gli altri fuori. Gli uni con un calice di vino in mano, gli altri con gli striscioni. Gli uni muniti di certificato sanitario, gli altri senza e, anzi, contrari ad averne uno. L’incontro del Consiglio federale con la popolazione lucernese, vissuto sostanzialmente nella calma e nell’entusiasmo delle numerose persone accorse al Museo dei trasporti per l’aperitivo organizzato dopo la seduta «extra muros» del Governo, è stato sì uno scambio con i cittadini, ma è anche stata l’ennesima battaglia di una guerra in atto. Non quella contro il SARS-CoV-2, ma quella fra il Governo e chi critica le sue decisioni nella lotta alla pandemia.

Svizzera centrale, un hot spot

Non è probabilmente un caso che il Governo sia venuto a Lucerna per la sua 15. seduta fuori da Palazzo federale e per il...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

    A sciare con o senza pass?

    Pandemia

    Oggi il tema sarà affrontato dall’assemblea di Funivie svizzere – Il settore degli impianti di risalita dovrebbe concordare con il Governo la strategia – Dubbi sulla fattibilità del certificato, è probabile che restino le regole dell’ultima stagione

  • 1
  • 1